Ultime recensioni

venerdì 7 febbraio 2014

Blogtour "Rebirth": terza tappa

Buongiorno cari caffeinomani!
Oggi su Coffee&Books approda un altro Blogtour, quello di "Rebirth", romanzo urban fantasy di Matteo Zapparelli. Si tratta del primo libro della serie Wolf Lineage, una saga molto promettente e intrigante che sono certa vi conquisterà. Per chi ne volesse approfittare, vi comunico che tra qualche ora l'ebook sarà in offerta a 0,99 euro e il prezzo resterà bloccato fino a domenica! 

In questa tappa, la terza per l'esattezza, intervisterò l'autore, che è stato così gentile da rispondere a tutte le mie domande. L'intervista è molto interessante, vi servirà per scoprire qualcosa in più sull'opera e il suo autore. Ringrazio anticipatamente Matteo per la sua disponibilità.

Rebirth
di Matteo Zapparelli


Serie: Wolf Lineage Saga #1
Prezzo ebook: 2,99 euro
Prezzo cartaceo: 14,90 euro
Pagine: 404
Genere: urban fantasy
Editore: Sogno Editori


Da millenni in ogni angolo del mondo si combatte una guerra segreta e sanguinosa tra i Figli di Argo, un'antica stirpe di licantropi, e l'oscuro Ordine della Croce d'Argento. Una sola città vive in pace: Verona, la città dell'amore cantata da Shakespeare. Ma anche quest'ultimo baluardo sta per crollare, ora che l'Ordine schiera le proprie forze in un disperato tentativo di annientare il nemico. E la scia di sangue crescerà fino ad assumere le forme di un fiume in piena. Nel mezzo di questo vortice di violenza, Etienne e Sara si incontreranno quasi per caso. Lui, licantropo apostata che ha voltato le spalle ai propri fratelli per amore di una donna. Lei, ragazza sognatrice che gli ruberà il cuore con i suoi grandi occhi verdi. E, mentre cala la notte e sorge la luna piena, gli ululati echeggiano e le spade si innalzano, Etienne dovrà lottare per salvare la donna che ama e offrire al mondo un ultimo barlume di speranza.

L'autore

Matteo Zapparelli è nato e cresciuto a Verona, meravigliosa città racchiusa tra le acque azzurre del Lago di Garda e la verdeggiante pianura padana. Città che, nonostante si aggiri per le sue vie da oltre trent’anni, non smette mai di stupirlo e di incantarlo.
Accanito lettore fin da giovanissimo e appassionato di letteratura americana, apprezza scrittori e generi letterari tra loro diversissimi. Scrive fin da ragazzino: suoi racconti e poesie sono stati pubblicati su riviste, in antologie, e alcuni sono stati finalisti di premi letterari.
Laureato in architettura al Politecnico di Milano, da diversi anni collabora con singoli autori e case editrici in qualità di editor freelance, e in passato ha lavorato come agente letterario.
Ama gli animali, i boschi, le lunghe camminate all'aria aperta, la notte, i Coldplay e i Muse, i film dell'orrore, i romanzi di Preston&Child, e ha un debole per il tiramisù.
Nel 2012 ha pubblicato il bestseller Corner's Church, un thriller dalle tinte fosche ambientato nell'America dei giorni nostri.
Rebirth, il primo volume della Wolf Lineage Saga, è il suo secondo romanzo.


INTERVISTA A MATTEO ZAPPARELLI, autore di "REBIRTH"

1) Ciao Matteo! Bentornato su Coffee&Books! E' un vero piacere riaverti qui ;)
L'intervista di oggi sarà un po' più approfondita dell'ultima, parleremo di te, del tuo lavoro, ma soprattutto di "Rebirth", il tuo ultimo romanzo.
Cominciamo parlando di te. Come è nata la tua passione per la scrittura?

Ciao Franci, ti ringrazio per aver ospitato la terza tappa del Rebirth Blog Tour e per aver organizzato questa bella intervista! La mia prima avventura con il foglio bianco risale ai giocosi tempi delle elementari, quando mi cimentai in un racconto sulle orme del mio idolo per eccellenza: Indiana Jones! E vi do anche una chicca, il titolo: Cieli di fuoco, me lo ricordo ancora! (Wow, direte! ma erano le fantasie di un ragazzino di sette anni *Risata*) Crescendo, tuttavia, ho dato molto più spazio alla lettura che alla scrittura, tant’è che sino al 2009 (due o tre giorni, dai! Hahah), anno della genesi di Corner’s Church, ho scritto solo un paio di cose, che conservo saldamente nel mio cassetto segreto, e qualche poesia. Per cui, per rispondere alla tua domanda, posso dirti senza rischio di errori che la mia passione per la scrittura nasce da quello che è il pilastro della mia esistenza: l’amore per la carta stampata che negli anni ingiallisce e conquista quell’aroma che solo le parole d’inchiostro, nel tempo, possono assumere. Sono un vero e proprio mangiatore di libri, dall’horror e il thriller, i generi che maggiormente mi appartengono e affascinano, al mainstream, fino al fantasy, passando per una breve tappa occasionale alle biografie. Insomma, non disdegno niente!

2. Da quando hai iniziato a pubblicare, ti sei destreggiato - molto bene, devo dire -, tra vari generi. Con "Rebirth" approdi all'urban fantasy. Come mai questa scelta?

Rebirth nasce da una sfida personale in un periodo in cui Twilight la faceva da padrone; così ho dato ascolto a quella vocina onnipresente nella mia testa alla quale non so proprio resistere, e c’ho provato. Mi sono lasciato catturare dalla novità e ho iniziato a battere febbrilmente sulla tastiera del mio laptop senza sapere dove sarei andato a finire, e devo dire che il risultato mi ha stupito positivamente. Non me l’aspettavo, davvero! Non potevo trattenere la mia vena thriller, così ci ho messo dentro una trama intricata, colpi di scena, combattimenti spettacolari e momenti cinematografici. Ora però lascio la parola ai miei lettori, perché è al loro cuore che sarei voluto arrivare. Ce l’avrò fatta? (siate clementi, ragazzi!)

3. Come nasce "Rebirth"? Raccontaci della sua evoluzione, dal primo accenno di idea alla pubblicazione.

Questo è un punto che verrà approfondito a fondo durante una delle prossime tappe del tour, per cui posso solo anticipare che il romanzo, scritto come sapete nel 2009, è rimasto a prendere polvere, qualche no editoriale(ebbene sì, ragazzi, pure io sto in questo oceano di rifiuti!) e alcune offerte da editori free che però non soddisfacevano le mie richieste, fino alla primavera del 2013, quando Sogno Edizioni mi ha fatto una proposta all’altezza dei miei desideri. 

4. Qual è secondo te la parte più difficile dello scrivere?

Bella domanda! Mmhh, sai cosa credo? Che dipenda più che altro dallo scrittore. Ognuno ha il proprio stile, le proprie fantasie e pure le proprie difficoltà. Nel mio caso una è il terrore di non aver più, all'improvviso, la voglia o l'energia per portare a termine il libro (anche perché di solito i miei sono dei bei mallopponi); un'altra difficoltà è riprendere a scrivere bene dopo mesi, o peggio anni, di inattività creativa. Si atrofizzano i muscoli mentali, sul serio. Si diventa anchilosati e si scrivono dei primi capitoli che a rileggerli ci si vergogna. *Ride*

5. C'è qualche autore o opera a cui ti sei ispirato?

No, perché non sono un grande amante del genere se non cinematograficamente. Potrei citarti la saga di Underworld, giusto perché ci sono i licantropi, ma si tratta appunto di film. Paradossalmente mi piace cimentarmi nella scrittura di generi che leggo meno di altri. Invece per quanto riguarda lo stile continuo a ripetere che devo moltissimo a due (in verità tre) autori: il buon vecchio zio King, quello pre-incidente, e il duo Preston&Child, con il loro mitico Agente Pendergast.

6. Parlaci dei personaggi del romanzo. A quale ti senti più legato e perché?

In questo primo volume a Etienne, il protagonista. Perché ha tutte le carte in regola per essere un eroe, pur mantenendo tutti i difetti di un uomo comune. E' buono e altruista, coraggioso e leale, bello da far girare la testa alle ragazze, ma porta con sé anche un oscuro passato, che talvolta gli fa perdere le staffe. Ho voluto creare un personaggio positivo, ma molto umano, con tutte le debolezze che ne conseguono. Ora la domanda è: ce l’ho fatta?

7. "Rebirth" è il primo volume di una trilogia, Wolf Lineage Saga. Quali sono secondo te i vantaggi e gli svantaggi delle saghe?

Se la saga non è troppo lunga, è intensa ed è caratterizzata da personaggi interessanti e accattivanti, nessuno. Nel genere fantasy, come in altri, una serie dà la possibilità ai lettori di affezionarsi in modo profondo ai protagonisti e allo scrittore di creare veri e propri mondi fatati da esplorare. Le possibilità sono infinite, e le trame possono prendere percorsi tortuosi e inaspettati.

8. Qual è, a tuo parere, l'elemento che il lettore potrebbe apprezzare di più leggendo "Rebirth"?

Ti dirò quattro aggettivi: romantico, cinematografico, avventuroso, epico. ;-)

9. Una citazione (o più di una) del tuo romanzo che ti è rimasta più impressa?

Rileggendolo per l'ennesima volta prima della presentazione nella libreria Feltrinelli di Verona, ne ho trovate diverse davvero capaci ancora oggi di emozionarmi. Ne cito due, le prime che mi vengono alla mente: "L’eternità era una dannazione alla quale non ci si poteva sottrarre." e "Poi aveva incontrato Sara ed era stato come se le colonne che avevano tenuto in piedi la sua esistenza fossero tornate a ergersi in tutta la loro altezza."

10. Ti è mai capitato di avere il "blocco dello scrittore"? In che modo lo hai superato?

Sì, mi è capitato. Succede a tutti, è una brutta bestia e io sono patologicamente colpito da questa momentanea mancanza di fantasia. Nel senso che mi metto a scrivere solo quando ho un'idea improvvisa e forte, totale, capace da sola di guidarmi per un intero libro: e questo non capita troppo spesso. Non sono, ahimè, un autore prolifico, per nulla.

11. Elencami almeno tre libri che avresti voluto scrivere tu.

Soltanto tre? Mi metti in difficoltà così, lo sai? Di primo acchito ti direi "Ho sognato di te" di Sherwood, "Discesa all'inferno" di Long e "Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare" di Sepulveda.

12. Che cosa stai leggendo al momento?

"Nel fuoco" di Preston&Child, cui seguirà "Joyland" di King, perché con lui sono in arretrato. E un romanzo inedito di un'autrice italiana.

13. E, adesso, parliamo dei tuoi progetti futuri. Cosa c'è in cantiere? :-P

Prima di tutto investire tempo ed energie nella promozione di Rebirth, perché non si fa mai abbastanza. C'è in corso il blog tour con il giveaway, cui seguirà forse un contest per illustratori e l'uscita di qualche spin-off scritto a quattro mani (sì, avete sentito bene, per cui se qualcuno è interessato... fatevi sentire!). E poi l'editing del secondo volume e una bella sorpresa per tutti i fan, perché un irresistibile personaggio prenderà vita (nel vero senso della parola)!

14. Qual è la tua atmosfera ideale per scrivere?

Mattina o meglio ancora pomeriggio, totale solitudine; a volte musica, a volte silenzio assoluto.

15. C'è un consiglio che vorresti dare a tutti gli aspiranti scrittori?

Oh, più di uno, un sacco di consigli! Primo: imparate bene la lingua italiana. Secondo: imparate bene la lingua italiana. Terzo: imparate bene la lingua italiana. A parte gli scherzi, come un falegname conosce alla perfezione tutti i suoi strumenti e sa usarli al meglio, così un autore deve conoscere a menadito ogni sfumatura della propria lingua. E non solo: sa gestire il ritmo narrativo, utilizzare adeguate descrizioni, creare dialoghi realistici e organizzare con gusto i capoversi. Se volete scrivere nel vero senso della parola, fatelo con cognizione di causa e non solo per riempire delle pagine con dei caratteri neri.

16. Dato che anche tu vieni da lavori di self-publishing, puoi dirci cosa ne pensi in proposito? Secondo te è un bene o un male che, oggigiorno, la pubblicazione sia alla portata di tutti?

Un tempo ho creduto nel self publishing e l'ho provato sulla mia pelle. Oggi, a distanza di oltre un anno e dopo che l'autopubblicazione è diventata praticamente la norma per centinaia di autori, mi sento di dire che sono più i danni che ha causato che i vantaggi apportati all'editoria. Leggo romanzi self uno peggio dell'altro, privi di editing, con errori grammaticali spaventosi, con trame e storie clonate e riclonate, senza né capo né coda. E se anche vendono bene, questo non significa nulla. non è né scusa, né motivazione. La letteratura non è marketing, non è vendita, è prima di tutto cultura e qualità. Qualità che nel self-publishing, senza il filtro rappresentato dalla casa editrice (lasciamo stare quelle inette o, peggio, a pagamento, di cui l'Italia è piena e tralasciamo chi pubblica grazie a conoscenze o favori) viene troppo spesso del tutto a mancare, inondando il mercato con migliaia di titoli inutili, anzi dannosissimi per la cultura dei giovani lettori. Il self è diventata la magica scappatoia dei rifiutati, quando doveva essere soltanto la strada virtuosa di chi voleva mantenere una propria incondizionata libertà contrattuale e intellettuale.

17. C'è un personaggio, tra tutti quelli di cui hai letto nella tua vita, al quale vorresti assomigliare? Perché?

Ogni personaggio, come ogni persona reale, ha sicuramente virtù e qualità che mi piacerebbe avere o migliorare. Ma non scambierei me stesso con nessun altro, né vorrei assomigliare a qualcuno. Il bello della vita è che siamo tutti unici!

18. Ultima domanda, promesso :-P Cosa ti aspetti dal futuro? Quali sono i principali obiettivi che vorresti raggiungere? (ops, sono due, pardon! :-P)

Tanti, forse troppi. Parlando del mondo letterario, direi scoprire che la mia saga sta avendo successo e veder presto finire questa tremenda crisi del settore.

19. Grazie mille ancora per la tua disponibilità e per aver risposto pazientemente a tutte le domande. Ti auguro tanta fortuna con "Rebirth" e tutti gli altri tuoi lavori, passati e futuri!
Buona continuazione di blogtour! ;)

Grazie a te, Franci, fantastica come sempre, e a tutti i lettori del blog, senza i quali parlerei al vento! Siete tutti meravigliosi!


Allora, che ne pensate dell'intervista? Vi è piaciuta?
Non perdete tutte le altre tappe di questo fantastico Blogtour, ecco la locandina con tutte le date, segnatevele e partecipate! C'è in corso anche un bel Giveaway che vi permetterà di vincere una copia cartacea del romanzo!


LE TAPPE DEL BLOGTOUR

1 Tappa - 24 Gennaio: Il profumo dei libri
2 Tappa - 31 Gennaio: Il libro che pulsa
3 Tappa - 7 Febbraio: Coffee&Books
4 Tappa - 14 Febbraio: Inky mist in a brighter night
5 Tappa - 21 Febbraio: Book Reviews
6 Tappa - 28 Febbraio: The Bookshelf
7 Tappa - 7 Marzo: The Secret Door
9 Tappa - 21 Marzo: Il profumo dei libri


IL GIVEAWAY


E, adesso, veniamo a ciò che attendevate di più, ovvero il Giveaway. I vincitori saranno tre, di cui il primo classificato si aggiudicherà una copia cartacea del libro, gli altri due una copia ebook.
Sotto potete leggere tutte le regole per partecipare (avete tempo fino al 20 Marzo). Dovrete seguirle tutte e compilare il form, oltre che commentare questo post. 

REGOLE DI PARTECIPAZIONE AL GIVEAWAY
  • Iscrivetevi come lettori fissi ai blog che partecipano al blogtour (potete farlo cliccando nella finestra che riporta la scritta SEGUI QUESTO BLOG);
  • Compilate il form sottostante con l'indirizzo e-mail a cui potrete essere contattati in caso di vittoria e con lo stesso nome usato nei commento ai blog;
  • Scrivete un commento a questo post nel quale comunicate di partecipare;
  • Mettere "mi piace" alla pagina Facebook del romanzo;
Inoltre, nel form potete trovare metodi per guadagnare qualche punto in più per l'estrazione finale:
  • Condividere il giveaway su Twitter
  • Condividere il giveaway su Facebook
  • Per chi ha un blog o un sito, condividere il banner del blog tour (nel form dovete inserire l'indirizzo del blog stesso)

E' tutto chiaro? Per qualsiasi dubbio o domanda o problema non esitate a contattarmi.

Buon blogtour a tutti!
A presto! :*









15 commenti:

  1. Grazie per questa intervista! Io Matteo lo "conosco" già, ho letto il suo corner's Church ed ho avuto l'opportunità di discuterne con lui. Ora sto leggendo con interesse Rebirth :) ed auguro a questo ragazzo di avere una gran fortuna! Mi piace molto il rimescolamento del genere fantasy col genere poliziesco. L'originalità, come dice lo stesso Matteo, è uno degli elementi che in questa marea di scritti fa emergere...credo che questa storia di licantropi non mi deluderà!

    RispondiElimina
  2. Beh, lui definisce il suo libro epico, vedremo se questa sicurezza è ben fondata! Sono sempre più curiosa!
    caldaremail@gmail.com

    RispondiElimina
  3. Che bella intervista! Il passato di Matteo di appassionato di thriller mi ha molto colpito visto che è il genere che preferisco. Non essendo infatti un'appassionata di fantasy la presenza di intrighi e di tensione potrebbe farmi appassionare a questo libro.

    RispondiElimina
  4. Eccomi :) mi sono letta tutta l'intervista per farmi un po' gli affari di Matteo e scoprire alcune curiosità sul suo libro!
    Non vedo l'ora di leggerlo!

    RispondiElimina
  5. Bella intervista **
    Sono sempre più curiosa di leggere il suo libro, anche perché ne ho sentito parlare bene da una blogger :)
    Credo di essermi persa la tappa precedente, vado a rimediare!

    RispondiElimina
  6. bellisiima intervista sono molto curiosa di questo splendido libro<3

    RispondiElimina
  7. Fatto tutto su face sn Emanuela Spedale e sn tua Follower con Fata Fatata..la mia email:dolcemanu86@hotmail.it
    Ecco il Giveaway pubblicati su Twitter e Facebook:
    https://www.facebook.com/EmanuelaSpedale/posts/477595662352145?stream_ref=10;
    https://twitter.com/dolcemanu1986/status/431839517012537345;

    RispondiElimina
  8. Bhè...cosa posso dire?!!! Trovo questa intervista veramente carina ed interessante ed auguro a Matteo Zapparelli ogni fortuna possibile per il suo libro!!! Come ho già detto nelle precedenti tappe, visto che sono una grande appassionata di libry fantasy ed urban fantasy, sono sempre più curiosa di leggere Rebirth! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo i link di condivisione!
      Facebook: https://www.facebook.com/francesca.bomparola1
      Google+1: https://plus.google.com/u/0/103462213315737961593/posts
      La mia e-mail è bomparola@alice.it

      Elimina
  9. Rifiutare delle proposte editoriali perché non convincenti: dalla mia esperienza, direi che è un consiglio da non prendere sotto gamba!
    Alla prossima tappa ;)

    RispondiElimina
  10. Ciao ^_^ eccomi... siamo alla terza tappa, il tempo vola. Complimenti per l'intervista mi ha fatto conoscere meglio Matteo e mi ha fatto incuriosire ancora di più sul romanzo... stupende le citazioni soprattutto la seconda ^_^
    Incrocio le dita, ho fatto tutto e seguo come labibliotecainfinita.
    ericamandru@gmail.com
    ciaoooooo

    RispondiElimina
  11. Grazie per la meravigliosa intervista!! Ho conosciuto uno scrittore a me estraneo; da come ha parlato del libro sembra che sia davvero una bella bomba: perchè non leggerlo? Mi ha incuriosito tantissimo! Le citazioni che ha riportato lasciano le impronte nel cuore :-)
    Che la fortuna sia sempre a mio favore, ho fatto tutto il necessario
    la mia e-mail: redsunset_retro@hotmail.it
    giveaway condiviso da me su twitter: https://twitter.com/xbelieveinyou/status/434961560423768064
    giveaway condiviso da me su facebok: https://www.facebook.com/redsunset.retro/posts/531484426967889?stream_ref=1

    RispondiElimina
  12. Bellissima intervista, complimenti =) Sono sempre più curiosa.
    email: simy-1988@libero.it

    RispondiElimina
  13. Aiuto...mi sono resa conto solo ora di aver perso molte tappe... Leggere questa intervista comunque è stato molto interessante...è sempre bello sapere qualcosa anche riguardo lo scrittore!! :)

    RispondiElimina

Commentare non costa nulla!:) Lascia pure il tuo commento, sarò felice di risponderti;)