Ultime recensioni

giovedì 26 luglio 2018

Fast Review: "Valmont. Il principe vampiro. Trono di sangue" di Pet Torres

Buon pomeriggio, miei cari lettori! ^^
Oggi mi dedico ad un recupero e vi posto la recensione di un romanzo breve, letto non molto tempo fa. Si tratta di "Valmont. Il principe vampiro. Trono di sangue", di Pet Torres. Non conoscevo questa autrice e il suo romanzo e, probabilmente, non l'avrei nemmeno letto se non fosse che Tania Sarnà ne ha curato la traduzione e mi ha incuriosita. Il romanzo non spicca, purtroppo, per originalità e lascia ben poco al lettore, considerando anche la sua brevità, ma leggete comunque la mia opinione per farvi un'idea, magari vi incuriosirà.

Valmont. Il principe vampiro. Trono di sangue
di Pet Torres


Prezzo eBook: 2,49 euro
Pagine: 104
Genere: paranormal romance
Traduzione: Tania Sarnà
Editore: Pet TorreS
Data di pubblicazione: 8 Aprile 2018




Valmont era solo un ragazzo quando vide sua madre uccisa dalla gente di quel villaggio. Rimasto orfano, cresce con l'aiuto di Mrs. Dora e sua figlia Aphrodite.  
Valmont é grato a entrambe e la sua vita ha di colpo più significato dopo la scoperta del primo amore. 
Con il passare degli anni, inizia, però, a sognare sangue, uno strano uomo e un trono di sangue. 
Lui non sa di essere un principe. Non un principe qualsiasi ma un principe vampiro.

Era da tanto, tantissimo che non leggevo un romanzo
sui vampiri. Valmont si è presentato un po' per caso alla mia attenzione e, visto che si trattava di una lettura poco impegnativa, l'ho letto al volo, in qualche ora, senza però troppe aspettative. Nonostante nel titolo si faccia riferimento ai vampiri, devo dire che in questo primo libro non ne vediamo, ma ne leggiamo solo vaghi riferimenti. Valmont, all'inizio della storia, è un ragazzo che si trova ad assistere alla morte della madre, condannata dal suo villaggio in quanto prostituta. Rimasto orfano, solo al mondo, decidono di prendersi cura di lui Aphrodite e sua madre Dora. Valmont cresce amato e rispettato, le due non gli fanno mancare mai nulla e Aphrodite è la migliore amica che possa desiderare. Ma col tempo questa amicizia diventa qualcosa di più e in entrambi cresce un sentimento più forte e travolgente. Valmont  dovrà fare i conti con la gelosia, prima di capire quanto davvero sia intenso ciò che prova per Aphrodite, talmente intenso che deciderà di lottare per quell'amore, a qualunque costo. Ma qualcosa lo turba, lo spaventa. Dei sogni strani e inquietanti, un uomo in nero che lo cerca, un trono di sangue. Non ha idea di cosa vogliano dire quei sogni, ma ha bisogno di trovare delle risposte, mentre si allontanerà per un po' da Aphrodite per riuscire ad essere l'uomo che lei merita e capire chi è davvero e cosa rappresentano i suoi cupi sogni.
La trama è semplice e l'autrice la sviluppa senza particolari colpi di scena. Sicuramente ho trovato più intrigante la parte dei sogni di Valmont, ma non si riesce a capire il loro significato, sono sogni confusi e il protagonista non vi indaga abbastanza, sebbene lo coinvolgano in prima persona e siano parecchio assidui. La storia segue la crescita e le vicende di Valmont sin dalla sua infanzia, compresa la fase della scoperta dell'amore, che lo trova quasi impreparato di fronte all'affetto che sente per Aphrodite, da sempre considerata più come una sorella. Lei è appassionata di magia, ma non ha idea di cosa sia Valmont e come mai faccia quel tipo di sogni, vorrebbe aiutarlo e rasserenarlo, ma tutto ciò che può offrirgli è la sua vicinanza e il suo amore. I due instaurano un rapporto di grande complicità, lei c'è sempre nel momento del bisogno e lui è una figura così importante per lei che non riesce a rinunciarci per nessuna ragione. Il romanzo si legge in poco tempo, è corto e parecchio scorrevole, ma proprio per la sua brevità non riesce a coinvolgere abbastanza il lettore, perché sembra che tutto sia campato un po' in aria. Elementi importanti, degni di un approfondimento, non vengono sviluppati per bene e nemmeno i personaggi rendono come dovrebbero. Li ho trovati piatti, quasi insignificanti. Mancano le descrizioni che avrebbero reso il libro sicuramente più interessante, manca la suspense che un paranormal avrebbe dovuto avere, mancano davvero tante cose a questo romanzo perché possa essere considerata una lettura gratificante. Le atmosfere un po' cupe e angosciose possono anche risultare adeguate per certi versi, anche la storia d'amore è tenera e piacevole da leggere, ma non basta questo a salvare un romanzo da cui mi sarei aspettata qualcosa di diverso, di più intrigante. I dialoghi sono scarni, lo stile dell'autrice sterile, poco descrittivo, tutto corre troppo in fretta e non permette al lettore di entrare in sintonia con i personaggi, di affezionarsi a loro o di appassionarsi alla storia. Insomma, purtroppo per me questa lettura è stata un buco nell'acqua. La consiglio solo se siete alla ricerca di una lettura leggera e poco impegnativa, che ha a che fare con misteri e personaggi ambigui, ma credo che questo primo libro non dia nessun tipo di risposta, forse nei seguiti si capirà qualcosa in più. Il lavoro di traduzione è stato sicuramente un lavoro attento e preciso, sebbene troppo letterale a volte, ma essendo il primo di Tania, direi che è andata bene ;)

Voto: 2 tazzine di caffè. Un romanzo in cui resta tutto in superficie senza coinvolgere il lettore. Peccato :/

A presto!
xoxo

lunedì 23 luglio 2018

Recensione: "Il Sognatore" di Laini Taylor

Buon pomeriggio, miei adorati lettori! ^^
Oggi, caldo e gravidanza a parte, sono riuscita a racimolare un po' di energie e a scrivere una nuova recensione. Come vi dicevo, ho intenzione di pubblicarne finché posso, e quella de "Il Sognatore" è la prima che ho pensato non potesse proprio mancare. Ho adorato questo libro con ogni fibra del mio corpo. É stato stupendo tornare a leggere qualcosa di Laini Taylor, che è in assoluto la mia autrice preferita (lo sapete bene, ormai). Devo ammettere che mi aspettavo meraviglie da questo libro, ma l'autrice è stata comunque capace di sorprendermi, di superare le aspettative, di farmi immergere davvero in un sogno a occhi aperti. Il Sognatore è uno dei romanzi fantasy più belli di sempre, non c'è dubbio. 

Il Sognatore
di Laini Taylor


Titolo originale: Strange The Dreamer
Prezzo: 14,50 euro (cartaceo), 6,99 euro (eBook)
Pagine: 524
Genere: fantasy
Editore: Fazi (collana Lainya)
Data di pubblicazione: 5 Luglio 2018


È il sogno a scegliere il sognatore, e non il contrario: Lazlo Strange ne è sicuro, ma è anche assolutamente certo che il suo sogno sia destinato a non avverarsi mai. Orfano, allevato da monaci austeri che hanno cercato in tutti i modi di estirpare dalla sua mente il germe della fantasia, il piccolo Lazlo sembra destinato a un'esistenza anonima. Eppure il bambino rimane affascinato dai racconti confusi di un monaco anziano, racconti che parlano della città perduta di Pianto, caduta nell'oblio da duecento anni: ma quale evento inimmaginabile e terribile ha cancellato questo luogo mitico dalla memoria del mondo? I segreti della città leggendaria si trasformano per Lazlo in un'ossessione. Una volta diventato bibliotecario, il ragazzo alimenterà la sua sete di conoscenza con le storie contenute nei libri dimenticati della Grande Biblioteca, pur sapendo che il suo sogno più grande, ossia vedere la misteriosa Pianto con i propri occhi, rimarrà irrealizzato. Ma quando un eroe straniero, chiamato il Massacratore degli Dèi, e la sua delegazione di guerrieri si presentano alla biblioteca, per Strange il Sognatore si delinea l'opportunità di vivere un'avventura dalle premesse straordinarie.

<<Quale potere era in grado di cancellare un nome dalle menti del mondo? 
Lazlo voleva andare a scoprirlo. Era questo il suo sogno, audace e superbo: andare lì, attraversare quasi mezzo mondo e risolvere da solo i misteri. 
Era impossibile ovviamente. 
Ma da quando l'impossibilità impediva a un sognatore di sognare?>>

Il Sognatore, di Laini Taylor, è forse il miglior romanzo che mi sia capitato di leggere quest'anno. L'autrice non ha tradito le aspettative e ci ha regalato una storia fantastica, ricca di elementi originali, emozioni e splendide descrizioni. Il suo stile raffinato e suggestivo è ormai un marchio di garanzia, approcciarsi a uno qualunque dei suoi romanzi significa perdersi in una storia senza precedenti, una storia che immancabilmente ti rapirà, una storia che è poesia e meraviglia insieme. Il Sognatore è proprio questo e leggerlo è stata la cosa più bella che mi sia potuta concedere ultimamente. Come sempre, Laini Taylor crea un mondo unico e speciale, lo riempie di dettagli incredibili e ci lascia esplorarlo con gli occhi che brillano di incanto. Siamo lontani dalla serie La chimera di Praga, romantica e struggente come solo chi l'ha letta può sapere, ma neanche poi tanto. Anche Il Sognatore si rivela una lettura capace di farci innamorare allo stesso modo, di farci vivere quella magia che la Taylor sa ricreare tanto magistralmente. Questo libro va letto assaporandone ogni parola, perché mano a mano che si va avanti, diventa sempre più difficile doversene staccare, direi addirittura traumatico. Sin dal primo momento, mi sono affezionata a Lazlo Strange, il protagonista del romanzo che, oltre ad essere un orfano e a non sapere nulla riguardo il suo nome e le sue origini, diventerà un bibliotecario. Il suo scopo è conoscere quanto più possibile una città che fino a poco tempo prima aveva un nome ma che poi è sparito dalle menti di tutti, lasciando solo come ricordo la parola Pianto. Quella per Pianto, che lui chiamerà Città Invisibile, diventerà una vera ossessione, che lo porterà a passare anni sui libri a studiare ogni particolare, a imparare lingua e dettagli di quel luogo che sa, con tutto se stesso, essere un luogo in cui la magia è reale, un luogo che desidera assolutamente vedere ed esplorare. Lazlo diventa per tutti, così, Strange il Sognatore, un ragazzo ingenuo, che ama fantasticare, raccogliere storie e stare con la testa sui libri, un ragazzo che non conosce l'orizzonte, né l'amore.
Un giorno, però, il suo sogno diventa improvvisamente realtà, perché direttamente da Pianto arriva una delegazione di guerrieri Tizerkane guidati da Eril-Fane - anche detto Sterminatore degli Dei - in cerca di aiuto per qualcosa di terribile accaduto nella loro città. Non c'è possibilità che uno come Lazlo venga scelto per questa missione. L'alchimista Thyon Nero, il figlioccio d'oro, sembra la scelta più giusta, insieme ad altri giovani pieni di risorse, ma lui cosa potrebbe offrire? Eppure, incapace di rinunciare al suo sogno, si propone volontario, offrendo in cambio tutte le storie di cui è a conoscenza, purché possa andare anche lui a Pianto. Inizia così la più grande avventura della sua vita, un'avventura che lo porterà lontano, a esplorare finalmente quel mondo a lungo sognato, ma soprattutto a conoscere una verità su se stesso che ha sempre ignorato. Un viaggio affascinante quello che affrontiamo con Lazlo e gli altri compagni della delegazione, lungo e impervio, mai monotono, durante il quale entriamo in confidenza con la storia tragica di Pianto e i suoi protagonisti. E, mentre la delegazione si avvicina sempre più alla Città Invisibile, un'altra storia, in parallelo, prende forma, quella che ha per protagonista Sarai. Ho trovato assolutamente straordinaria questa parte della storia, i cinque figli degli dei, sopravvissuti al Massacro, che vivono nascosti in una fortezza, insieme a tanti fantasmi, come fossero loro stessi dei fantasmi. Hanno tutti delle personalità ben definite, ammetto di aver amato ognuno di loro, anche la piccola, inquietante Minya.
Con i loro poteri sopravvivono in quel luogo da anni, ma ogni giorno che passa è sempre più dura. Vorrebbero uscire, fare le esperienze che fanno gli esseri umani normali, nutrirsi come si deve, ma loro sono "la feccia degli dei", gli uomini li temono e li disprezzano e non ci sarebbe posto per loro nel mondo. Tra l'altro li credono tutti morti. E mentre restano lì dentro nascosti, elaborano piani di vendetta contro colui che ha massacrato tutti gli dei e i loro figli, costringendoli a quella vita, togliendo loro tutto. Sarai ha il potere di entrare nei sogni degli uomini, di modificarli e farli diventare incubi. A Pianto la gente paga per i peccati contro gli dei, per il loro odio e disprezzo. Le notti sono insonni e tormentate, ma Sarai è stanca di questa vita, è stanca di essere la Musa degli Incubi, di far soffrire la gente, così come Minya invece vorrebbe (lei è la più sadica del gruppo). Quando entrerà nel sogno di Lazlo, le cose cambieranno. Il Sognatore ha nella sua testa una visione splendida di Pianto, è un luogo in cui lei vorrebbe vivere, in cui tutti dovrebbero vivere. Quel ragazzo, apparentemente insignificante, nasconde in sé così tanto, che Sarai ne è affascinata e desidera conoscerlo meglio, rifugiarsi nei suoi sogni e per un po' dimenticare tutto il resto, dimenticare il mostro che è. Ma, per lui, Sarai non è un mostro, lui la ritiene speciale, così diversa, così bella, così straordinaria. Per certi versi, questo particolare della storia mi ha ricordato Karou e Akiva, de La chimera di Praga, e non posso negare che mi sia salita la nostalgia. La storia di Lazlo e Sarai è altrettanto bella e travagliata, affronta la diversità, il diverbio tra normalità e mostruosità, con un tatto unico a cui la Taylor ci ha ben abituati. Non è facile descrivervi la bellezza di questo romanzo, perché è bello in ogni minimo particolare, ma se c'è una cosa che ho amato di più è l'elemento onirico della storia, quel luogo in cui i due protagonisti imparano a conoscersi e ad amarsi e a progettare di cambiare il mondo, di restituire a Pianto il suo antico splendore, di mettere fine all'odio tra umani e figli degli dei. Una nuova missione per Lazlo Strange, l'ingenuo bibliotecario su cui nessuno avrebbe mai scommesso, che però è più speciale di chiunque altro.
  Laini Taylor riempie le pagine del suo romanzo di magia e suggestive ambientazioni, regalandoci una lettura che va oltre il semplice diletto, una lettura che t'incanta come un sortilegio, come una bellissima fiaba. Diversi i personaggi di questa storia, ognuno con un ruolo ben preciso e sfaccettature che è stato bello scoprire. Anche se all'inizio si fa un po' fatica a distinguerli (più che altro a ricordarne i nomi - mi riferisco ai membri della delegazione), presto si impara a conoscerli tutti. La città di Pianto è una città su cui grava ormai l'ombra della fortezza in cui si è compiuto il Massacro, non vi è più luce ad illuminarla e i cuori dei suoi abitanti sono altrettanto cupi. Salvare la città da quell'ombra, da quella tristezza, è la missione di Eril-Fane e della sua delegazione, ma come potranno salvarla se la magia degli dei sembra averla condannata per sempre? Lazlo si rivelerà un personaggio emblematico in questa missione, capace di ribaltare le sorti di Pianto, di fare quella differenza che non credeva possibile. Ma oltre a scoprire in che modo riuscirà a farlo, assisteremo ad una serie di colpi di scena, verso la fine del romanzo, che ci lasceranno senza parole. Il finale è qualcosa di incredibilmente bello e allo stesso tempo straziante, l'autrice non ci risparmia cliffhanger né lacrime, sono quindi troppo ansiosa di leggere il seguito, augurandomi che per questo romanzo-fiaba esista un bel lieto fine. Il Sognatore è una storia senza tempo, che vi trascinerà di prepotenza in un sogno e vi farà vivere autentica magia, ma anche romanticismo, tenerezza, orrore e vendetta. Non potrete fare a meno di amarlo, ha tutte le carte in regola per entrare nel vostro cuore e restarci per sempre.

Voto: 5 tazzine stracolme di caffè! Una storia perfetta, capace di regalare emozioni mai provate! Non ci si poteva aspettare di meno da Laini Taylor e dal suo immenso genio.

A presto!
xoxo


giovedì 5 luglio 2018

Il blog si prende una piccola pausa

Buongiorno, miei cari lettori! ^^
Il post di oggi è per informarvi di alcune cose importanti che riguardano me e il blog. Se mi state seguendo sui social, in particolare su Instagram, saprete che ormai sono all'ultimo mese di gravidanza. Ho letto, recensito e ci ho dato dentro a Giugno perché il tempo è stato più volte fresco e me l'ha permesso, ma anche in previsione di una pausa che presto mi sarei presa. Le giornate adesso toccano i 30 gradi, la pancia è enorme e io sono sempre più stanca. Purtroppo, adesso, stare seduta davanti al pc è davvero difficile, per me. Questo mese, dunque, non troverete più post sul blog con la stessa frequenza di prima, le rubriche andranno tutte in ferie e anche le segnalazioni. Potrete trovare,  esclusivamente, delle recensioni di libri che riuscirò a leggere nella prima metà di Luglio, o comunque fin quando ce la farò. Non ho intenzione di abbandonarvi o abbandonare il blog, solo rallenterà notevolmente il suo ritmo fino a settembre, per forza maggiore :P Sarà un periodo intenso e bellissimo e voglio godermelo fino in fondo, ma allo stesso tempo ci tengo a non sparire del tutto. Per qualsiasi cosa potrete scrivermi per email, o su Messenger o su Instagram, cercherò almeno sui social di essere sempre presente, nonché di tenervi aggiornati, e tenermi anch'io aggiornata. Non smetterò di leggere, naturalmente (scherzando ho detto a qualcuno che il kindle me lo porterò anche in sala travaglio ^^) e recensirò non appena mi sarà possibile, specialmente i libri della mia TBR estiva, ma i tempi saranno leggermente più lunghi, perché per i prossimi mesi cambieranno un po' le mie priorità, capirete. Ad ogni modo, anche se con meno frequenza, ci sarò e spero anche voi continuerete ad esserci, perché questa è solo una piccola pausa, una tappa della mia vita che devo affrontare con tutte le mie forze, una tappa meravigliosa che sono ansiosa di intraprendere ma che allo stesso tempo un po' mi spaventa. La vostra presenza e il vostro sostegno saranno per me fondamentali. 
 Grazie del vostro affetto e della vostra comprensione. Vi abbraccio tutti! <3

A presto!
xoxo

lunedì 2 luglio 2018

Anteprima: "Tutte le nuvole del cielo" di Angela Contini

Buon pomeriggio, lettori! ^^
Non potevo non ricordarvi anche qui sul blog che domani è il giorno dell'uscita di "Tutte le nuvole del cielo", di Angela Contini, la novella dedicata a James e Sofia, appartenente alla serie del Vermont. Abbiamo conosciuto questi due personaggi nel primo libro della serie, grazie a Victoria, scrittrice di successo alle prese con una crisi creativa. La storia di James e Sofia è quella che poi verrà fuori dalla penna di questo personaggio, rappresentando una storia dentro la storia. Adesso, finalmente, i due innamorati avranno il loro spazio in questa novella che promette di far battere forte i nostri cuori "romanticosi" e che ci regalerà un altro po' di Vermont, che grazie ai romanzi di Angela, è diventato come una seconda casa. Non vedo l'ora di leggere questa stupenda storia d'amore e tornare a Pretty Creek! *-*

Tutte le nuvole del cielo
di Angela Contini


Prezzo: 0,49 euro (eBook)
Pagine: 64
Genere: romance
Editore: Newton&Compton
Data di pubblicazione: 3 Luglio 2018




Estate del 1946. Sofia Mantico, giovane ragazza siciliana, lascia il suo paese per raggiungere l’America con la sua famiglia, portandosi dietro sogni e speranze. Pretty Creek, una deliziosa cittadina del Vermont, è la sua destinazione, dove incontra James, un pugile di belle speranze con un passato turbolento, che combatte clandestinamente per sbarcare il lunario. Sofia rimane subito affascinata dal giovane americano, ma James non sembra ricambiarla, fino a che la ragazza, con la sua spontaneità e solarità, riesce a suscitare in lui un affetto sincero. Gli ostacoli che dovranno superare non saranno pochi. La famiglia di lei non accetta la loro storia e stare insieme sarà più difficile del previsto…

L'autrice

Angela Contini è nata in Germania ma è italianissima. Vive in un piccolo paesino con il marito e il figlio. Ama guardare serie TV, ascoltare musica e preparare dolci. La Newton Compton ha pubblicato Tutta la pioggia del cielo,Tutte le stelle del cielo e Tutto l'infinito del cielo.
  
I romanzi della "serie del cielo" o del Vermont, di Angela Contini

******
Anche voi aspettate con impazienza l'uscita di questa novella? Quanto l'avete desiderata? Io tantissimo, dal primo momento che lessi di James e Sofia! *-* Sono davvero molto emozionata, in effetti. Grazie Angela per l'opportunità unica che ci offri e grazie a Newton&Compton.

A presto!
xoxo

Review Party: "Obbligo o Verità" di Penny Reid

Miei adorati lettori,
oggi partecipo al Review Party dedicato a "Obbligo o Verità", di Penny Reid, organizzato dal blog Vaniti, con la collaborazione della casa editrice Always Publishing. Avevo bisogno di una lettura un po' più leggera, dopo i due bellissimi ma strazianti romanzi letti in precedenza, sempre della Always Publishing, ovvero "Per il mio amore, Whiskey" e "Dammi mille baci", che mi hanno fatto a pezzi il cuore. Mi sono approcciata alla Reid sperando tanto che fosse una lettura capace di risanare le mie ferite ed, effettivamente, un piccolo miracolo c'è stato. Obbligo o Verità è una lettura leggera e piacevolissima, perfetta per guarire da qualsiasi ferita. Ringrazio la casa editrice per avermi dato l'opportunità di leggere il romanzo e partecipare al review party.

Obbligo o Verità
di Penny Reid


Titolo originale: Truth or Beard
Serie: Winston Brothers #1
Prezzo: 13,90 euro (cartaceo), 5,99 euro (eBook)
Pagine: 350
Genere: romance, contemporary romance
Editore: Always Publishing (collana Always Romance)
Data di pubblicazione: 28 Giugno 2018


Jessica James, laureata da poco ma da sempre con la testa sulle spalle, è pronta a fare ritorno nella sua piccola città natale del Tennessee. Ad attenderla ci sarà la sua eterna cotta infantile, Beau Winston, il cui sorriso amichevole non ha mai smesso di farle cedere le ginocchia e annodare la lingua, ma soprattutto il suo avversario di sempre, Duane Winston, il gemello di Beau. Due uomini che potranno anche condividere lo stesso cognome e un viso dal fascino devastante, ma dove Beau è affabile ed estroverso, Duane è silenzioso e riflessivo. Complice un simpatico equivoco e un'interessante partita a Obbligo o verità, Jessica si ritroverà a chiedersi se dietro alla rivalità con Duane non si nasconda molto di più. Scoprire l'eterna e insaziabile cotta del gemello burbero la lascerà decisamente impreparata, per non parlare della scoperta delle sue mani bollenti, della sua bocca bollente, e del suo aspetto ancora più bollente. Se poi a questa gran confusione si aggiungono un gatto assassino, i guai con una banda di motociclisti e i sogni di una vita, quanto sarà disposta a rischiare una ragazza con la testa sulle spalle e il cuore sottochiave?

Obbligo o Verità, di Penny Reid, è stato un vero toccasana. Ero molto curiosa di leggere questo primo libro dedicato ai fratelli Winston, belli, barbuti e simpatici, e devo ammettere che mi sono divertita molto. In questo romanzo abbiamo modo di conoscere tutti e sei i fratelli, ma sarà Duane il protagonista assoluto di Obbligo o Verità. Lui è il gemello di Beau e da quando era bambino è sempre stato innamorato di Jessica, che però non aveva occhi che per Beau. La storia comincia con il ritorno a Green Valley di Jessica, che vuole ripagare i debiti universitari, insegnando matematica nella sua città d'origine, per poi fare le valigie e girare il mondo. Quando ad una festa di Halloween incontra Beau, il suo cuore inizia a perdere battiti. Di fronte a lui la lucidità vacilla e le gambe diventano molli. Beau è il ragazzo perfetto, è gentile, sorridente, simpatico. Ha una cotta per lui da che ricordi, mentre lo stesso non si può dire per il fratello gemello Duane, che trova irritante e insopportabile. Con lui non ha fatto altro che litigare, sin da quando erano bambini, e tutto quello che desidera è stargli il più lontano possibile. Ma il costume da sexy Gandalf di Jessica sembra attirare gli sguardi infuocati di Beau, che la coglie alla sprovvista e la porta dietro le quinte per dei baci bollenti, salvo poi tirarsi indietro per rivelarle che, in realtà, lui non è Beau. Da quel momento in poi, Jessica andrà in confusione, perché per quanto abbia sempre pensato di volere solo e unicamente Beau Winston, si ritrova a pensare a Duane, ai suoi baci, alle sue mani sul suo corpo, alle sensazioni nuove e irresistibili provate insieme al gemello sbagliato. Eh sì, perché Duane non ha nulla di suo fratello Beau, lui è completamente la scelta sbagliata, quella che mai avrebbe pensato di prendere in considerazione. Lui è troppo serio, scontroso, ostile e pericoloso, eppure Jessica non può fare a meno di desiderare ancora un contatto con lui, di correre il rischio con quel ragazzo che non è Beau, ma che la fa sentire viva come non si è mai sentita.
  I due si cercheranno, si lasceranno andare all'attrazione che provano, ma ci sarà sempre un freno tra loro: Jessica ha dei sogni cui non intende rinunciare e Duane non vuole che lei ci rinunci, non se lo perdonerebbe mai se gli portasse rancore per tutta la vita. Scopriamo pian piano che Duane è un ragazzo adorabile, in realtà, che è cambiato da quando era un ragazzino dispettoso, che vuole fare sul serio con Jessica. Mi è piaciuto molto questo lato del suo carattere, il voler essere a tutti i costi così rispettoso. Dà modo a Jessica di ricredersi su di lui, di scoprire chi è adesso, chi è veramente, di conoscerlo ancora meglio e fino in fondo, e per lei è una bella novità, è affascinata da questo nuovo Duane e si ritrova a non poter più fare a meno di lui, ad innamorarsene perdutamente. La Reid ci regala una bella storia d'amore, che cresce pagina dopo pagina, in cui questi due ragazzi, che si conoscono da una vita, si riscoprono e devono fare i conti con nuove esigenze. Jessica soffre di wanderlust, un desiderio irrefrenabile di viaggiare, di non stare mai nello stesso posto, di vedere il mondo, di girovagare. E Duane dovrà trovare un compromesso per andare incontro ai bisogni di lei, ma cercando di averla ugualmente vicina, perché stare con lei è l'unica cosa che gli importa. In più, a rendere le cose ancora più complicate, ci si mettono i biker più pericolosi di Green Valley, che vogliono ricattare i fratelli Winston per i loro loschi affari.
Il romanzo alterna così storia d'amore a guai e insidie, riuscendo sempre a mantenere viva l'attenzione e a non farci mancare il divertimento. E, a proposito di divertimento, non posso non menzionare gli esilaranti momenti condivisi tra fratelli Winston, che insieme fanno davvero impazzire. Li ho adorati, c'è poco da dire, hanno tutti delle personalità differenti, ma sono fortissimi, sono una bella famiglia, molto unita, e farebbero di tutto l'uno per l'altro. Vorrei adottarli tutti, però forse Cletus è quello che ho trovato più spassoso e che, in qualche modo, mi ha anche sorpresa di più. Non vedo l'ora di leggere il romanzo dedicato a lui! E parlando di personaggi comprimari, vorrei citare anche Claire, la migliore amica di Jessica, che si è rivelata un gran bel personaggio, piena di risorse e con un passato che sono curiosissima di scoprire, ma per lei mi sa che dovremo aspettare l'ultimo libro della serie (dove avrà una storia con il maggiore dei fratelli, Billy). Insomma, non ci si annoia di certo con i fratelli Winston e ce n'è per tutti i gusti, davvero! In comune hanno delle fantastiche barbe folte, ma esteticamente e caratterialmente sono parecchio diversi. Se ancora non li avete conosciuti, vi sfido a farlo e a scoprire qual è il fratello che più fa per voi ;) Intanto, posso assicurarvi che Duane, il primo protagonista di questa intrigante serie romance, è decisamente adorabile, ne resterete affascinate. Lasciatevi conquistare da questa storia tenera, ironica e fresca. Saprà regalarvi dei bei momenti. Do un quattro solo per via di una traduzione non sempre convincente e diversi refusi, e a volte un po' di ripetitività da parte dei protagonisti nei loro discorsi e pensieri, ma in generale mi è piaciuta molto e non vedo l'ora di avere tra le mani i prossimi libri della serie!

Voto: 4 tazzine, un romanzo dolce e frizzante!

A presto!
xoxo

Blogtour: "Solo su invito" di Kimberly Knight - Presentazione romanzo

Cari lettori,
oggi ha inizio il blogtour di "Solo su invito", nuovo romanzo di Kimberly Knight, tradotto in italiano grazie a Babelcube e Alice Arcoleo. Kimberly Knight è un'autrice di romance ed erotic romance e questo è il terzo romanzo che l'autrice ha deciso di regalare a noi lettrici italiane. I suoi romanzi sono intriganti e seducenti, praticamente irresistibili, se siete amanti del genere vi consiglio di non perderli! Dopo aver rivelato la cover di "Solo su invito", oggi vi presento il romanzo nell'insieme e vi invito a non perdere le prossime tappe, in cui troverete altre notizie e approfondimenti sul libro, l'autrice e le sue opere. Solo su invito è una storia che sicuramente prende dal primo momento. Ha per protagonista un'avvocatessa disinvolta e sicura di sé che, per portare a termine un lavoro, decide di farsi invitare in un esclusivo sex club privato, il Sensation, frequentato da vip e personaggi in vista di Beverly Hills. Qui si ritroverà coinvolta da un collega che l'ha sempre attratta e da quel momento dovranno entrambi decidere se sia più importante il loro lavoro o quell'irresistibile attrazione che non riescono a reprimere. Un romanzo ad alto tasso di sensualità, perfetto da leggere sotto il fresco dell'ombrellone. E poi ha una cover molto bella, non trovate? ;)


Unica regola da rispettare: chiedere prima di toccare

Solo su invito
di Kimberly Knight



Titolo originale: By Invitation Only
Prezzo: 3,11 euro (eBook Amazon - disponibile anche su Kobo e Apple)
Pagine: 259
Genere: romance, erotic-romance
Editore: Knight Publishing&Design LLC
Data di pubblicazione: Giugno 2018


Sensation.
Un luogo sacro libero da ogni giudizio o inibizione.  
Unica regola da rispettare: Chiedere prima di toccare. 
Sensation è un club esclusivo cui partecipano almeno centocinquanta membri di un mondo privilegiato, ed è organizzato una volta al mese in una villa segreta di Beverly Hills. 
Puoi guardare. 
Puoi interagire. 
Puoi partecipare con un accompagnatore o presentarti da solo. 
La scelta è tua.
Ti piace violento?
Preferisci carezze e adorazione? 
O vuoi solamente restare a guardare? 
Che cosa desideri?

L'autrice

Autrice bestseller di USA Today, Kimberly Knight vive tra le montagne in prossimità di un lago con l’affettuoso marito e un gatto viziato, Precious. Nel tempo libero adora guardare i suoi programmi preferiti in televisione, i San Francisco Giants vincere la World Series ed i San Jose Sharks spaccare tutto. Ha anche vinto due volte la lotta contro il cancro, diventando così più forte e una fonte di ispirazione per i suoi fan. Adesso che vive vicino a un lago, ha intenzione di dedicarsi all’abbronzatura e ad attività all’aria aperta come ammirare ragazzi sexy fare sci d’acqua. Comunque, dedica la maggior parte del suo tempo a scrivere e leggere romanzi rosa ed erotici.

CALENDARIO BLOGTOUR
Ed ecco il calendario del blogtour, di cui vi consiglio di non perdere nemmeno una tappa, se volete saperne di più su questo romanzo. Da oggi al 10 Luglio vi faremo scoprire il Sensation, i protagonisti del romanzo, l'autrice e molto altro!


30 Giugno: Cover Reveal (Su tutti i blog)
2 Luglio: Presentazione romanzo (Coffee&Books
4 Luglio: Personaggi e Dreamcast (Il libro sulla finestra
5 Luglio: Estratti (50 Sfumature di Rosa
6 Luglio: Altre opere dell’autrice (Aria’s Wild)
7 Luglio: Intervista all’autrice (Sognando tra le pagine
9 Luglio: Recensione (Libri e altri disastri
10 Luglio: Playlist (Starlight Book’s

******
Allora, che ne pensate di questo romanzo di Kimberly Knight? L'autrice è stata anche ospite del Rare di Roma, qualcuna ha sbirciato anche le altre sue storie? E presto arriverà altro di suo in Italia, perciò preparatevi! ;) Intanto, buona lettura se deciderete di comprare il romanzo e vi aspettiamo sui blog per le prossime tappe!

A presto!
xoxo

sabato 30 giugno 2018

Recensione: "Blood of the Prophet" di Kat Ross

Miei cari lettori,
vi parlo oggi di "Blood of the Prophet", di Kat Ross, secondo libro della serie Il Quarto Elemento, pubblicata da Dunwich Edizioni. Ho amato questa serie dal primo momento, forse anche prima che venisse tradotta in Italia. Mi era bastato leggerne l'originale trama per innamorarmene. Il primo libro mi ha davvero appassionata, il secondo altrettanto e adesso non vedo l'ora di leggere Queen of Chaos e poi qualunque altro l'autrice pubblicherà (e che spero la Dunwich continuerà a tradurre per noi).

Blood of the Prophet
di Kat Ross


Serie: The Fourth Element (Il Quarto Elemento) #2
Prezzo: 14,90 euro (cartaceo), 4,99 euro (eBook)
Pagine: 306
Genere: epic fantasy, fantasy, young adult
Editore: Dunwich Edizioni
Data di pubblicazione: 2 Dicembre 2017



Visionario. Alchimista. Salvatore. Santo. Il profeta Zarathustra è stato chiamato in molti modi. Ora trascorre il suo tempo disegnando capre dall'aspetto bizzarro. Ecco cosa succede quando ci si ritrova in una cella per duecento anni. Ma l'uomo che potrebbe essere impazzito, e che decisamente dovrebbe essere morto, è di colpo tornato a essere molto importante. Sono passate soltanto poche settimane da quando Nazafareen è fuggita dai sotterranei del re con il suo daeva, Darius. Sperava di non dover mettere più piede all'interno dell'impero, ma la ricerca del profeta l'ha condotta nell'antica città di Karnopolis. Devono trovarlo prima che Alexander di Macedonia bruci Persepolae, e con essa la madre di Darius. Ma non sono i soli a cercarlo. Il negromante Balthazar ha i suoi piani per il profeta, così come il capo delle spie dei Numeratori. Mentre Nazafareen viene attirata in un gioco pericoloso, i suoi nuovi poteri prendono una brutta piega. Soltanto il profeta comprende il segreto del suo dono, ma il prezzo di quella conoscenza potrebbe rivelarsi più di quanto Nazafareen sia disposta a pagare.

Se avevo amato The Midnight Sea, non avete idea di quanto abbia amato anche Blood of the Prophet,  che si è dimostrato, se possibile, migliore del precedente volume. Mi ha entusiasmata leggere ancora di Nazafareen e Darius, due personaggi a cui mi sono molto affezionata, che ritroviamo ancora più legati e affiatati, direi inseparabili. La storia riparte da dove l'avevamo lasciata, con i nostri protagonisti alla ricerca del Profeta Zarathustra - colui che ha forgiato i bracciali che tengono legati i daeva - affinché cerchi di convincere gli Immortali di Persepolae a deporre le armi, prima che Alexander rada al suolo la città. Tante le leggende su questo misterioso personaggio, che non si sa se sia davvero vivo o no, ma qualcuno dice che sia tenuto prigioniero da secoli. In pochi sono a conoscenza di questo segreto e per tirarlo fuori dalla sua prigione, Nazafareen e Darius dovranno prima essere sicuri che il Profeta sia vivo. Rintanati in una squallida taverna, costretti a nascondere le loro vere identità, i due indagheranno su questo mistero, trovando aiuto in alcuni personaggi che forniranno loro appoggio e informazioni. La prima parte del romanzo direi che è dedicata all'attesa e alla pianificazione, è un po' più lenta, ma non mancano situazioni capaci di tenerci incollati alle pagine, o piccoli momenti tra Nazafareen e Darius davvero teneri e indimenticabili (<<Sarò sempre tuo, bracciali o meno>>, mi disse mentre il calore del suo corpo mi avvolgeva. <<In questa vita e in tutte quelle dopo di questa>>). Quando, finalmente, i due verranno in possesso di una mappa dei tunnel in cui il Profeta è tenuto segregato, si entrerà nel vivo del romanzo. Dovranno salvarlo prima che finisca nelle mani dei Numeratori, che vogliono farlo fuori una volta per tutte, e si lanceranno in una missione pericolosa e con tante incognite.
Ad affiancarli, come sempre, Tijah e Myrri, che però, in questa missione, verranno ostacolate da qualcuno che vuole arrivare a Darius e Zarathustra e togliere di mezzo il resto della comitiva. Si tratta di Balthazar, un altro misterioso personaggio di cui abbiamo modo, in questo libro, di leggere il punto di vista. Lui è un negromante al servizio della regina Neblis, che è in possesso della Sacra Fiamma ma non sa come usarla, per questo ha bisogno del Profeta. Lo scontro con Darius e Nazafareen, però, non si rivela facile come immaginava e la ragazza tirerà fuori un potere che nemmeno credeva di possedere. Forte di questa nuova rivelazione, cercherà di salvare Persepolae, prima che Alexander la distrugga. Sarà una corsa contro il tempo, un ultimo disperato tentativo di cambiare le cose, di evitare una guerra inutile e di convincere daeva e Immortali a risparmiarsi per l'arrivo del clan di Neblis, un esercito di non-morti comandato dal terribile fratello della regina. Un finale ricco di suspense, adrenalinico, che apre le porte ad un terzo capitolo in cui può succedere di tutto. E davvero di tutto mi aspetto, naturalmente.
É stato bello ritrovare le atmosfere che tanto ho amato, esotiche e avventurose, che la Ross ha creato in maniera magnifica. Questa serie continua ad essere una delle più originali che abbia mai letto, con personaggi mai scontati e una trama sempre più fitta e affascinante. La novità di diversi punti di vista, in questo secondo capitolo,  ha reso il romanzo ancora più interessante, perché le voci scelte dall'autrice sono voci inaspettate e, allo stesso tempo, intriganti. Ho apprezzato moltissimo l'evoluzione del rapporto tra Nazafareen e Darius, che si fa sempre più intenso. Il loro amore è costante, a dispetto di qualsiasi prova o sacrificio. Nazafareen è un personaggio incredibile, che non manca di regalare sorprese. Scopriremo come il suo potere sia qualcosa di raro e straordinario e vorremo assolutamente saperne di più. Darius, sempre più devoto a lei, sarà ancora il suo punto fermo, sarà una certezza per lei, pronto a proteggerla da chiunque oserà anche solo sfiorarla. Purtroppo, anche in questo libro dovremo dire addio a qualcuno, sembra che l'autrice di gioie non ce ne voglia regalare troppe, ma vedremo anche, nel finale, l'entrata di nuovi personaggi. Un secondo capitolo entusiasmante, che ho letto praticamente d'un fiato. Le aspettative per Queen of Chaos sono altissime! Non vedo l'ora di sapere come finirà questa storia che ho amato tanto, ma allo stesso tempo non vorrei mai finisse. Non si leggono tutti i giorni fantasy del genere. Ancora un grande applauso all'autrice che continua a regalarci stupende emozioni con la sua magnifica storia e i suoi bellissimi personaggi, ma un grazie tutto speciale va alla Dunwich che ha portato questa serie di rara bellezza in Italia.

Voto: 4,5 tazzine per il secondo capitolo di questa serie sempre più appassionante!

A presto!
xoxo

Cover Reveal: "Solo su invito" di Kimberly Knight

Buongiorno, miei carissimi lettori! ^^
Sta per partire il blogtour dedicato al nuovo romanzo di Kimberly Knight, "Solo su invito"! Da lunedì troverete sul blog la prima tappa e a seguire tutte le altre, con curiosità, estratti, intervista e altro ancora per saperne di più su questo romanzo e sull'autrice. Ma oggi scopriamo la cover di Solo su invito, una cover intrigante e parecchio sensuale, devo dire, esattamente come sono i romanzi della Knight.

Unica regola da rispettare: chiedere prima di toccare.

Solo su invito
di Kimberly Knight


Vi incuriosisce? Allora non perdete il Blogtour del romanzo, che inizierà il 2 Luglio e si concluderà il 10. Qui sotto il calendario con tutte le tappe, gli argomenti e i link ai blog che partecipano all'evento.

CALENDARIO BLOGTOUR


30 Giugno: Cover Reveal (Su tutti i blog)
2 Luglio: Presentazione romanzo (Coffee&Books
4 Luglio: Personaggi e Dreamcast (Il libro sulla finestra
5 Luglio: Estratti (50 Sfumature di Rosa
6 Luglio: Altre opere dell’autrice (Aria’s Wild)
7 Luglio: Intervista all’autrice (Sognando tra le pagine
9 Luglio: Recensione (Libri e altri disastri
10 Luglio: Playlist (Starlight Book’s)

******
Vi è piaciuta la cover? Sono contenta che la Knight mantenga anche per le edizioni italiane le stesse cover, le trovo molto belle. Domanda per chi è stata al Rare di Roma: avete conosciuto l'autrice??


A presto!
xoxo