Ultime recensioni

giovedì 18 ottobre 2012

Le Recensioni di Alex: "E finalmente ti dirò addio" di Lauren Oliver


E adesso per voi un'altra bella recensione! Alex ha letto "E finalmente ti dirò addio" di Lauren Oliver, un'autrice molto amata, dopo la serie "Delirium" che ha rapito tanti cuoricini. Ecco il suo pensiero...

E finalmente ti dirò addio
di Lauren Oliver

Prezzo: 11,00 euro
Pagine: 430
Editore: Piemme (collana Freeway)

Samantha Kigston ha tutto quello che un'adolescente potrebbe desiderare: il ragazzo più bello della scuola, tre amiche fantastiche, un'incredibile popolarità. Quel venerdì 12 febbraio si preannuncia come un altro giorno perfetto nella sua meravigliosa vita. Invece non andrà così, perché quella sera Sam morirà. Tornando con le sue amiche in macchina da una festa avrà un incidente. La mattina seguente però la ragazza si risveglia misteriosamente nel suo letto ed è ancora il 12 febbraio. Sospesa tra la vita e la morte, Sam continua a rivivere quella sua ultima giornata.Ogni volta si comporterà in modo diverso, cercando disperatamente di evitare l'incidente che la farà morire. Ma riuscirà a uscire da quell'incubo solo quando capirà che non è per salvare se stessa che continua a tornare.

Dicono che appena prima di morire la vita ti scorre davanti agli occhi in un lampo...
ma a me non è andata così!

Samantha Kingston ha 17 vive a Ridgeview una cittadina nel Connecticut ed ha tutto quello che un’adolescente possa desiderare: il ragazzo più bello della scuola, tre amiche fantastiche Lindsay, Ally ed Elody e la popolarità più assoluta!
Oggi venerdì 12 febbraio sarà un giorno speciale a scuola “il giorno dei cupidini”perchè le persone più popolari riceveranno rose e bigliettini da chi le ammira e rispetta, una sorta di gara tra lei e le sue migliori amiche. Ma stasera al termine di una festa, mentre Sam e le sue amiche faranno ritorno a casa, verranno coinvolte in un incidente e Sam perderà la vita!
Improvvisa e tragica la morte di Sam, il fuoco che la avvolge, una caduta senza fine nel vuoto urla e metallo che stride... ma un suono acuto la riporta alla realtà, il suono stridulo della sua sveglia!
<<Perchè Sam il giorno dopo la sua morte si risveglia... esattamente venerdì 12 febbraio per ripetere d’accapo la sua ultima giornata >>.
In principio Sam pensa di essersi miracolosamente salvata o persino di avere avuto il più reale tra i suoi peggiori incubi, ma qualcosa non quadra, ha dei continui dejavù di frasi, azioni e comportamenti di chi le sta accanto... ha decisamente l’idea di essere uscita di senno!
Fino al giorno successivo, in questo momento Sam si rende conto che anche oggi per lei è venerdì 12 febbraio (di nuovo)... adesso inizia a vivere come in una sorta di 
oblio della mente, annaspa disorientata verso la soluzione che potrebbe salvarla, vive la giornata da angolazioni diverse, intuisce che il minimo cambiamento nei confronti degli altri altera il futuro.
Sam si rende conto di quanto il suo pessimo comportamento e quello delle sua amiche abbia influito nelle dinamiche della scuola, di quanto le loro bravate da bulle abbiamo arrecato dolore e tormento ad alcune persone che le odiano e temono allo stesso tempo
Un gioco per non annoiarsi il loro... l’infelicità per chi è loro bersaglio!
Sam nella disperazione più assoluta prende atto che non torna per salvare se stessa da una prematura morte ma un’altra persona...

<Lo so qualcuno di voi penserà che me lo sia meritato...
Ma prima di iniziare a puntare il dito concedetemi una domanda:
ciò che ho fatto è davvero così malvagio da farmi meritare di morire?
ciò che ho fatto è peggio di ciò che fanno tutti?
Davvero è peggio di ciò che fate voi?
  pensateci  

Mai come con questo romanzo ho avuto sentimenti e opinioni tanto contrastanti, mai ho avuto pensieri così ambivalenti nel giudicare e recensire un libro... quando si ha a che fare con Lauren Oliver niente è da reputarsi semplice!
Non posso nascondere in fatto che non sono entrata subito in sintonia con la protagonista, anzi per gran parte del romanzo ho detestato lei e le sue amiche snob e altezzose!
Ma proprio questo era il trucco... far stare il lettore “forzatamente “ dalla parte delle cattive, far si che il loro pessimo e terribile comportamento annebbiasse la verità e il nostro giudizio su tutto!

La descrizione dei personaggi è estremamente accurata e precisa, quello che più colpisce è il modo nel quale la Oliver rende ognuno di loro interessante e fondamentale all’interno della storia.

Sam, Lindsay, Ally e Elody sono le cosiddette bulle della scuola, frivole, perfide, molto popolari e annoiate si dilettano nel far circolare voci maligne su chi gli capita a tiro, semplicemente per affermare il loro status di icone di moda e stile nel loro ambiente. Abiti costosi, auto di lusso e vodka a fiumi... pettegolezzi e azioni subdole accompagnano le loro giornate da ragazze ricche e viziate... non curanti di tutto il male che provocano agli altri, continuano indisturbate a perpetuare le loro azioni.... fino a fatidico venerdi 12 febbraio un giorno che cambierà in maniera irreversibile le loro vite!
Inizia cosi il lento e graduale processo di evoluzione di Sam che è costretta a fare i conti con se stessa e con tutto quello che ha fatto l’ultimo giorno della sua vita.
Giorno dopo giorno rivive in modo diverso la sua ultima giornata e morte... spoglia la sua mente da tutti i veli che le impedivano di vedere effettivamente le persone e le cose che la circondano... vede il rapporto scostante che ha con i suoi e lo cambia, con le amiche con i professori e con il suo ragazzo che riteneva perfetto... vede anche quelli che erano per lei invisibili e indegni della sua considerazione...
“vede tutto quello che ha perso e non potrà più avere...”
Cambia nel vero senso della parola... matura e agisce in modo altruista.

Lo stile fluido e giovane della Oliver rende il libro interessante e particolare, l’uso che fa delle parole e il modo minuzioso che ha di descrivere i personaggi li rende assolutamente reali, persino la descrizione del paesaggio e le condizioni atmosferiche sono molto vivide, a volte ho persino l’impressione di sentire gli odori che descrive!
La trama è assolutamente originale e ben articolata, non ci sono momenti di stasi o noia,
niente viene ripetuto anche se la protagonista fa proprio questo,
rivivere lo stesso giorno per tutto il libro! E' la stessa Sam a cambiare, vive ogni giorno da nuove angolazioni, vede nuove prospettive e rende tutto ogni volta diverso, più completo 
e chiaro ai nostri occhi. Il suo personaggio compie un vero e proprio viaggio psicologico ed emotivo attraverso i suoi diversi approcci con le persone che la circondano, mescolando sempre gli eventi in modo tale da potersi salvare... un disperato tentativo di ingannare la morte!
In questo continuo procedere e tornare indietro,sempre nello stesso giorno, Sam ha imparato a prestare attenzione a chi le età vicino e ai dettagli che prima le sembravano irrilevanti e noiosi.
Un viaggio verso la redenzione dell’anima... il prendere coscienza di se stessi e del fatto di come le nostre azioni abbiano ripercussioni sulle vite degli altri.
Vivere la vita in modo frettoloso e fugace e perdere di vista se stessi e quello che amiamo solo per uniformarci agli altri.
Questo libro fa seriamente pensare a quello che ogni giorno facciamo in maniera distratta al fatto di pensare di avere sempre tempo per un ti voglio bene o un abbraccio, a quante persone o cose non prestiamo la dovuta attenzione...

<<PERCHE’ NON M SONO MAI ACCORTA CHE LUI SIA COSì ADORABILE?>>
tra le tante questa frase mi ha fatta piangere come una fontana.....pensiamo di vivere per sempre crediamo di avere sempre tutto il tempo e ne perdiamo così tanto in cose futili!

Anche questo libro è l’ennesima conferma della bravura di Lauren Oliver, lontana dai temi distopici ha saputo creare  sentimenti reali sfumando con la sua abile penna l’odio e l’amore... 
Unica pecca il finale che a mio modesto avviso è un pò troppo affrettato!

Voto: 4 stelle Goodreads

Questa recensione partecipa alla "Hogwart Reading Challenge", ideata da Denise, sul blog Reading is Believing . Fa parte della casa "Tassorosso".




10 commenti:

  1. SEmbra molto intrigante!!!
    lo leggerò sicuramente!!!anche perchè mi piace lo stile dell'autrice!

    RispondiElimina
  2. Mary la Oliver è veramente sadica....ma sa scrivere in modo divino <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto sadica, ma mi piace come scrive!:)

      Elimina
    2. Il bello é che ha guidato il mio giudizio per l'intero libro!

      Elimina
  3. Bella recensione! Mi è piaciuto molto questo libro, la Oliver è davvero sadica ma non posso fare a meno di leggere i suoi libri ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lexy hai proprio ragione
      La Oliver sa stupirmi ogni volta e distruggermi anke :))))))

      Elimina
  4. Di quest'autrice ho letto solo "delirium"

    RispondiElimina
  5. Diverso da delirium ma altrettanto bello,intenso e toccante,degno della Oliver!

    RispondiElimina

Commentare non costa nulla!:) Lascia pure il tuo commento, sarò felice di risponderti;)