Ultime recensioni

giovedì 3 marzo 2016

Recensione: "A time for dancing" di Davida Wills Hurwin

Buon pomeriggio! ^^
Eccomi con una nuova recensione per voi! Sono stata molto contenta di aver avuto la possibilità di leggere, grazie alla Giunti, questo splendido libro di cui vi parlo oggi. Incredibilmente, mi sono ritrovata a far parte del nuovo programma degli Ambassador Giunti e mi è stato proposto in lettura il bellissimo "A time for dancing", di Davida Wills Hurwin, la toccante storia che ha ispirato l'omonima pellicola del 2000, con protagoniste Larisa Oleynik e Shiri Appleby. Dopo aver visto il film, pensavo di sapere a cosa andavo incontro, di essere preparata alle forti e intense emozioni che una storia del genere è capace di suscitare. Mi sono ritrovata davanti a una storia un po' diversa da quella che conoscevo, ma non per questo meno toccante. Anzi, vi consiglio con tutto il cuore questo romanzo, ma non dimenticate i Kleneex!

A time for dancing
di Davida Wills Hurwin


Prezzo: 12,00 euro

Pagine: 320
Genere: young adult, contemporary
Editore: Giunti (collana Waves)
Data di pubblicazione: 10 Febbraio 2016



Sam e Jules sono amiche da sempre e l'estate prima dell'ultimo anno del liceo discutono il proprio futuro, sognano di andare all'università o di scegliere il duro cammino per diventare ballerine professioniste. Comunque sia, sono pronte a vivere questa esperienza insieme, condividendo trionfi e lacrime. Non sono pronte però al destino che è già dietro l'angolo: Jules scopre di avere un tumore. Inizia così un nuovo capitolo della loro esistenza che le costringe a scoprire nuove cose di sé e dell'altra, che rischia di farle smarrire ma finisce per confermare la forza della loro amicizia. 
La vita può essere durissima e imprevedibile ma anche meravigliosa: esistono un tempo per amare, un tempo per vivere e un tempo per ballare.

<<Il giorno in cui Jules mi aveva detto di avere il cancro - il sette luglio - il mondo si era ribaltato.>>

Parlarvi di questo libro non sarà facile, anche perché, se ci penso, mi tornano le lacrime agli occhi. A time for dancing è una bellissima e struggente storia che parla di un grande dramma ma anche di una grande e speciale amicizia. E' la storia di due ragazze con un sogno immenso, quello di diventare ballerine, un sogno che inseguono sin da piccole. Samantha e Juliana - Sam e Julie - sono due adolescenti come tante, frequentano l'ultimo anno del liceo e hanno già programmato la loro mitica estate dopo il diploma. Sono molto affiatate, hanno un legame unico. Sono come due sorelle, ognuna scrigno dei segreti e dei sogni dell'altra. Contano di affrontare insieme il futuro, di diventare ballerine professioniste e di non separarsi mai. Ma la vita ha in serbo per loro un brutto tiro. La luce che brilla nei loro occhi e nei loro cuori sta per offuscarsi per sempre. Jules, un giorno come un altro, scopre di essere malata. Per quanto si sforzi di non pensare al peggio, il dolore e la cruda realtà la mettono di fronte ad una drammatica certezza: ha il cancro. L'impatto con questa verità è forte, ma Jules lo è di più e s'impegna con tutta se stessa per non cedere allo sconforto, per non lasciarsi abbattere da questo male terribile, un male che la estrania dal mondo, che le toglie tutto poco alla volta, che la cambia giorno dopo giorno, finché di lei non resta che un semplice guscio vuoto. E' un viaggio lungo e penoso, che Julie sa di dover affrontare da sola, perché nessuno può capire ciò che prova, nemmeno la sua migliore amica. Sam è una ragazza stupenda e l'affetto che la lega a Julie è qualcosa di indescrivibile. Neanche la malattia riesce a tenerla lontana da lei, neanche i suoi rifiuti, né tanto meno le sue drammatiche crisi. Sam non riesce a vedere il mondo senza Julie, senza la sua Unica e Sola, senza la sua perfetta metà. Ma è una dura battaglia quella che l'amica deve affrontare e non sempre il coraggio è sufficiente. Sam cerca di vivere la situazione con animo e fede, fa del suo meglio per darle ciò di cui ha bisogno, per essere il sostegno che le serve, ma Julie intraprende presto una strada ardua, tutta in salita, una strada buia e solitaria, e non c'è modo di esserle d'aiuto. Eppure, la sua vicinanza è essenziale, perché solo Sam riesce a strapparle quei sorrisi che Julie si costringe a negare, le dona quelle speranze che non vuole in nessun modo coltivare, quando ormai tutto non le sembra altro che un terribile incubo. Le attenzioni della sua famiglia la stremano, quelle del resto della gente la indispettiscono. Solo l'amicizia di Sam le dà una forza inspiegabile, anche se a volte non ha il coraggio di ammetterlo né di accettarlo. Ma, ancor di più, è la musica a darle forza. O meglio, la danza. Non è pronta a rinunciare ai suoi sogni, non è pronta a vivere la più traumatica delle esperienze, ma non c'è molto che lei possa fare, se non tenere duro e lottare, fino alla fine. Perché sia successo a lei non è una domanda a cui potrà mai trovare risposta, ma potrà cercare di impiegare le sue ultime energie per far pace con se stessa e con il mondo, per trovare la sua dimensione anche in quel mare di sconforto e angoscia. Perché Julie è sempre stata una guerriera e niente dovrebbe arrestare il suo tenace spirito e la sua immensa passione. Neanche il cancro, quel mostro alieno che si è insediato nel suo corpo.
In questo romanzo si alternano i punti di vista di Sam e Julie. Viviamo insieme a loro gioie e dolori, sentiamo sulla nostra pelle tutte le loro emozioni. L'autrice rappresenta il loro dramma in maniera autentica, senza sconti, ed è proprio questo a rendere il romanzo tanto vero, credibile e intenso. La storia che ci racconta è una storia che lascia senza parole, che ti prosciuga di ogni sentimento. Impariamo a conoscere le due protagoniste tramite i loro dialoghi, i loro ricordi, i loro pensieri. E poi le seguiamo in questa strada piena di ostacoli. I primi sono facilmente sormontabili, ma più si va avanti, più arduo è il cammino. Le certezze iniziano a creparsi, i sogni a infrangersi. L'oscurità ricopre tutto come un manto pesante. E c'è solo tristezza e paura. La danza è il loro sollievo, le distrae dalle brutture del mondo, rappresenta un modo tutto speciale di comunicare il loro dolore e anche il loro legame. E' la cosa a cui non saprebbero mai rinunciare. Ciò che le ha unite sin dal primo momento. Ma c'è un tempo per ogni cosa e c'è anche un tempo anche per crescere. La vita inizia a correre su un binario sempre più traballante e loro dovranno trovare il modo di restare aggrappate a qualunque cosa pur di non cadere, pur di non lasciarsi travolgere dagli eventi e dai cambiamenti.
L'autrice ci mette di fronte ad una storia davvero difficile da leggere. Ho letto sicuramente molti altri libri in cui il protagonista è malato di cancro, ma mai come leggendo questo libro mi sono sentita indifesa. Nonostante sapessi già cosa mi aspettasse, l'autrice è riuscita a toccarmi, a lasciare dentro di me delle ferite profonde. La storia di Julie e Sam è una storia bella ma allo stesso tempo tragica, una storia che va letta perché non solo fa riflettere sulla vita e sulla morte, ma insegna cosa significa amare davvero una persona, che sia un'amica, una sorella, una madre. Persino se stessi. Insegna ad avere coraggio, a sperare fino alla fine, a combattere per ciò che si desidera e a fare di tutto per realizzarlo, anche quando il mondo ti si ritorce contro, anche quando il destino ti osteggia. Ho letto il libro tutto d'un fiato, la narrazione è scorrevole e intensa, generosa di dialoghi, mai monotona. E anche quando le lacrime hanno iniziato a scorrere giù, continuavo a leggere ingorda, perché ormai mi ero talmente legata a Sam e Jules che ho voluto fino all'ultimo sperare in un finale degno. E penso che quello che ha scritto l'autrice abbia reso giustizia ad una storia del genere, abbia concesso alle sue protagoniste una libertà impensata. Neanche la morte può spezzare un forte sentimento come la vera amicizia. Come l'amore per la danza. Come l'amore per la vita.

Voto: 4 tazzine. Traumi e sorrisi in un romanzo indimenticabile!

A presto!
xoxo


6 commenti:

  1. Quando vidi il film rimasi davvero colpita da questa storia e piansi. Ma adesso, leggendo la tua recensione, so già che quando avrò tra le mani questo libro probabilmente le mie cataratte si scateneranno! Splendida recensione, tesoro, come sempre! Si sente che questo libro ti ha colpita dentro, nel profondo =) Sei unica! Ti lovvo <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, mi ha commossa parecchio, ma è una di quelle storie che ti lascia tanto.. Sono stata contenta di leggerlo.. Grazie per i complimenti! <3

      Elimina
  2. E' arrivato anche a me, ma mi frena un po' l'avere già visto il film.
    E, purtroppo, sono uno che non dimentica i finali, soprattutto se tragici.
    Vediamo quando arriverà il suo momento ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io pensavo la stessa cosa all'inizio, e capisco che il finale tragico non è un buon incentivo alla lettura, ma la storia ha delle dinamiche diverse rispetto al film, mi è quasi piaciuto di più, ci credi? Se lo leggerai, passerò dal blog a conoscere il tuo parere;) a presto!

      Elimina
  3. Questo romanzo mi è piaciuto da morire! Spero che traducano il seguito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo esistesse un seguito! Anche a me piacerebbe leggerlo, allora..sii*_*

      Elimina

Commentare non costa nulla!:) Lascia pure il tuo commento, sarò felice di risponderti;)