Recensioni

venerdì 20 aprile 2012

Rubrica - Classici eterni #2


Posto oggi la rubrica di ieri, "Classici Eterni".
Spero quella della scorsa settimana vi sia piaciuta. Si parlava de "Il ritratto di Dorian Gray" di Oscar Wilde, un romanzo che è un vero capolavoro, secondo me, e che io ho sempre amato.

Anche oggi un classico bellissimo, una delle storie d'amore più tenere e appassionate mai scritte. Un amore che va oltre i canoni prestabiliti e che punta dritto al cuore, ai sentimenti, alla natura profonda delle persone.
Sto parlando di "Jane Eyre", il capolavoro di Charlotte Bronte.
Anche di questo romanzo sono uscite diverse edizioni, ma io faccio riferimento all'ultima che è quella della serie dei classici Y Giunti che, come sapete, amo particolarmente.

 
Scheda tecnica

Titolo: Jane Eyre
Autore: Charlotte Bronte
Prezzo: 8,50 euro
Pagine: 720
Editore: Giunti Editore (collana Y Classici)

L'autore

Charlotte Brontë (21 aprile 1816 - 31 marzo 1855) fu una romanziera inglese, la più vecchia tra le tre sorelle Brontë, i romanzi delle quali sono diventati dei classici della letteratura inglese.
La Brontë nacque a Thornton, nello Yorkshire, Inghilterra, terza di sei figli, da Patrick Brontë, un sacerdote irlandese, e dalla moglie, Maria Branwell. Quest'ultima muore nel 1821 e i bambini saranno accuditi da una zia, Elisabeth, e da una governante, Tabita Aykroyd. Nel 1825 le due sorelle maggiori di Charlotte muoiono. Nel 1831 Charlotte viene iscritta alla scuola di Roe Head dove ottiene ottimi risultati e qui otterrà un posto come insegnante nel 1835. In seguito, per alcuni anni, Charlotte svolgerà la professione di govenante presso alcune famiglie, ma nel 1842, insieme alla sorella minore Emily, si reca a Bruxelles per studiare francese. Tornata in Inghilterra nel 1844 comincia a cullare il progetto di scrivere, insieme alle sorelle, alcuni romanzi. Nel 1847 tutte e tre le sorelle pubblicano il loro romanzo: Charlotte propone dapprlima "Il professore" che viene rifiutato, poi "Jane Eyre", subito accettato e dato alle stampe con lo preudonimo di Currer Bell. Seguirà la pubblicazione di altri romanzi, Nel 1854 dopo tensioni con il padre, Charlotte sposa il reverendo Nicholls. LA felicità conquistata durerà poco poiché Charlott si spegnerà l'anno seguente, in attesa di un figlio.

Trama

Jane, una povera orfanella che ha trascorso la fanciullezza in un triste asilo di Lowood, dopo anni di stenti e di solitudine, viene assunta come governante in casa Rochester. Il cinico padrone finisce per innamorarsi di lei ma quando si sta per celebrare il matrimonio, una scoperta viene a sconvolgere la vita della fanciulla: la moglie di Rochester, creduta morta, è ancora in vita, prigioniera della pazzia.


Chi non conosce Jane Eyre e il suo struggente amore per Mr Rochester, l'uomo per cui lavora?
Sono state fatte anche diverse trasposizioni cinematografiche e televisive. La più bella è senz'altro la versione del grandissimo Franco Zeffirelli, che è riuscito a dare alla storia l'esatto spessore di cui è fatta.


Ma ho trovato anche molto bella una serie in 4 puntate, trasmessa su rete 4 tempo fa, che era parecchio romantica *_*


Non ho visto al cinema il film del 2011, ma mi riprometto di farlo, appena ne ho la possibilità. La protagonista, se non mi sbaglio, è quella di "Alice in Wonderland" e lui è il figaccione di "Xmen - L'inizio", giusto?
Qualcuno l'ha visto? Vi è piaciuto?


Una ragazza povera e affatto bella che diventa istitutrice, una volta uscita dall'orfanotrofio in cui è cresciuta e ha vissuto una triste infanzia.

"Non era mia abitudine trascurare il mio aspetto o l'impressione che facevo sugli altri: al contrario, cercavo sempre di fare una buona figura e di piacere per quanto me lo permetteva la mancanza di bellezza. A volte rimpiangevo di non essere più graziosa: a volte desideravo avere guance rosate, il naso dritto, una piccola bocca fresca come una ciliegia; desideravo essere alta, maestosa, con una bella figura; mi sembrava essere una disgrazia essere così piccola e scialba, e avere lineamenti irregolari e marcati."

Un uomo ricco e affascinante, ma con un carattere freddo e scostante. Un uomo con un segreto grandissimo, un segreto che colorerà di giallo la trama del romanzo. E poi di rosso. E, infine, di qualunque sia il colore del trionfo dell'amore.
Sì, perché, oltre la bellezza che viene catturata dagli occhi, vi è una bellezza che è il cuore a catturare e che è infinitamente più grande e di valore della semplice bellezza esteriore.
Rochester si innamorerà della semplicità di Jane, dei suoi modi gentili, dei suoi silenzi, ma anche della sua sensibilità, della sua dolcezza, della sua intelligenza e indipendenza.

"Non sono un uccello; e non c'è rete che possa intrappolarmi: sono una creatura umana libera, con una libera volontà, che ora esercito lasciandovi."

 Con Jane, Rochester potrà essere l'uomo che ha sempre voluto essere, potrà riscattarsi da tutto ciò che lo affligge, perché lei è la compagna ideale, la compagna perfetta.


Immergetevi in una storia che vi farà commuovere, che vi farà capire quali sono i veri valori della vita. L'importanza dell'essere e non dell'apparire. La bellezza di una mente acuta e di un cuore puro.


Nessun commento:

Posta un commento

Commentare non costa nulla!:) Lascia pure il tuo commento, sarò felice di risponderti;)