Ultime recensioni

venerdì 16 febbraio 2018

Anteprima: "Ti aspetto da sempre" di Ava Dellaira

Rieccomi, miei adorati lettori! ^^
Vi segnalo, adesso, un'uscita veramente molto interessante, che arriverà nelle librerie i primi di Marzo. Se avete letto Noi siamo grandi come la vita, conoscerete già l'autrice di cui sto per parlarvi, ovvero Ava Dellaira, che torna con un nuovo, emozionante romanzo, sempre pubblicato da Sperling&Kupfer. Si tratta di "Ti aspetto da sempre", la storia di una ragazza alla ricerca di se stessa e della verità sulle sue origini. 

DOPO NOI SIAMO GRANDI COME LA VITA, IL NUOVO, ATTESO ROMANZO DI AVA DELLAIRA.
Una profonda storia multi-generazionale sul rapporto, spesso complicato, tra madri e figlie, sull'amore e la perdita, sul tenere con sé e lasciar andare, che piacerà alle lettrici di ogni età.

Ti aspetto da sempre
di Ava Dellaira


Titolo originale: In Search of Us
Prezzo: 17,90 euro
Pagine: 348
Genere: contemporary, young adult
Editore: Sperling&Kupfer
Data di pubblicazione: 6 Marzo 2018


Tutti siamo in cerca di qualcosa. Un amore, un nuovo inizio, un futuro. Angie, per esempio, è in cerca di risposte. Ha diciassette anni, ama la storia e le scienze (biologia, in particolare), la corsa, il formaggio alla piastra con i bordi bruciacchiati, il calcio, il caffè schiumato con il latte di soia, i dischi in vinile, la musica hip-hop sparata a palla nelle cuffie; ma tutto questo non le basta per dire chi è veramente. Vive sola con la madre nel New Mexico. Il padre non l'ha mai incontrato, ma sa di assomigliargli molto. E l'unica cosa che la madre riesce a raccontarle, senza affogare tra le lacrime, è che è morto prima che lei nascesse. Un giorno, però, in fondo a un cassetto nella camera di sua madre, Angie trova una fotografia che le fa pensare che finora tutta la sua vita possa essere stata una bugia. Così decide di partire alla volta di Los Angeles, con la speranza che cercare la verità sulle sue origini e sul padre possa aiutarla a capire meglio se stessa. Cosa ci sarà in fondo alla strada, Angie ancora non lo sa. Ma è determinata a scoprirlo.

L'autrice

Ava Dellaira è cresciuta ad Albuquerque, in New Mexico. Dopo la laurea alla University of Chicago e un Master in scrittura creativa all'Iowa Writers' Worshop, è tornata nella sua città natale, Los Angeles, dove vive tuttora. Il suo romanzo d'esordio Noi siamo grandi come la vita è stato un successo internazionale, pubblicato in 24 Paesi e opzionato per un film.


******
Mi era piaciuto tantissimo Noi siamo grandi come la vita, perciò anche questo nuovo romanzo della Dellaira mi intriga molto. Sicuramente lo leggerò, anzi, devo dire, che sono anche piuttosto impaziente, perché già dalla trama mi sembra un libro bellissimo! *-* E poi amo la copertina, veramente... La amo! Trasmette un senso di libertà incredibile, non trovate?

Allora, che ne pensate di questa uscita? Vi ispira?

A presto!
xoxo

Blogtour: "Fandom" di Anna Day - Serie TV tratte dai libri

Miei cari lettori,
oggi il blog prende parte al fantastico blogtour dedicato al romanzo "Fandom", di Anna Day. Ho già avuto modo di leggere in anteprima il romanzo e l'ho amato moltissimo (trovate QUI la mia recensione), quindi non posso che consigliarvi di comprare questo romanzo ed entrare anche voi nel mondo esaltante di Fandom! Nella tappa di oggi si parlerà di Serie TV tratte dai libri, una tappa che spero troverete interessante e potrà darvi spunto anche per nuove letture. Ma mi raccomando sempre ai fandom (quelli sono pericolosi, come capirete leggendo il romanzo:P). Inoltre, non perdete nessuna tappa di questo blogtour e commentate su ogni blog partecipante, perché potrete vincere una copia del romanzo, grazie al nostro Giveaway! Ringrazio Giusy e Sonia per avermi coinvolta in questo evento e tutte le ragazze che hanno partecipato con i loro fantastici blog. Un ringraziamento speciale anche alla De Agostini per la gentile disponibilità.

Fandom
di Anna Day


Titolo originale: The Fandom
Prezzo: 15,90 euro
Pagine: 514
Genere: fantasy, distopico, young adult
Editore: De Agostini (collana Le Gemme)
Data di pubblicazione: 6 Febbraio 2018



Finalmente il gran giorno è arrivato, Violet è pronta. Pronta per incontrare gli attori che hanno portato sul grande schermo il suo romanzo preferito, La Danza delle forche. Violet lo sa recitare a memoria, ne conosce ogni battuta. Se potesse esprimere un desiderio, chiederebbe di poterci vivere dentro ed essere Rose, la protagonista perfetta. Dovendo fare i conti con la realtà, Violet si accontenta di presentarsi all'evento come cosplayer di Rose e mettersi in fila per l'autografo dei suoi idoli. Soprattutto per quello dell'attore che interpreta Willow, l'eroe più bello di sempre - darebbe ogni cosa per far colpo su di lui. Proprio nel momento in cui il ragazzo si complimenta con lei per il suo costume accade qualcosa di inaspettato. Un terremoto. Urla. Il buio. Violet riapre gli occhi e qualcosa è cambiato. Le guardie corrono ovunque impazzite. Ma è solo quando un proiettile colpisce Rose e la ragazza cade a terra esanime che Violet capisce. Capisce che adesso non è più solo a un evento in costume per appassionati di fantasy. Adesso quella è la realtà. Adesso lei è dentro la storia e la protagonista del suo romanzo preferito è appena morta. Violet ora può fare solo una cosa: prendere il suo posto, ripassare le battute e vivere la storia fino alla fine... E sperare che tutto vada come è stato scritto.

SERIE TV TRATTE DAI LIBRI
Sono un'appassionata di serie TV e se si tratta di serie TV tratte da qualche romanzo, allora non posso assolutamente perderle. Sono davvero tante le serie approdate in TV che sono state tratta da romanzi famosi, serie di grande successo, bestseller internazionali. Elencarle tutte sarebbe quasi impossibile, ma mi concentrerò su alcune che conosco meglio e ho visto e su quelle, in generale, più conosciute.

Sicuramente una delle prime a cui penso è "Il trono di spade", una serie di genere fantasy, tratta dai romanzi di George R.R. Martin, "Cronache del Ghiaccio e del Fuoco". É in assoluto una delle serie più viste e di successo degli ultimi tempi, e non ho dubbi che la conosciate tutti. Io seguo la serie TV e ho anche i romanzi (nell'edizione speciale con la copertina in pelle di drago, non so se mi spiego :P), quindi capirete che sono una vera appassionata di questo mondo fantastico nato dal genio di George R.R. Martin (quel pazzo sadico di George R.R. Martin!)


Un'altra serie molto amata, ma ormai giunta al capolinea, è "The Vampire Diaries", basata sull'omonima serie di romanzi di Lisa J.Smith, in Italia nota come "Il diario del vampiro". Anche questa serie è molto conosciuta, se dico Damon e Stefan Salvadore, sono sicura che sapete dirmi tutti di chi si tratta. Due sexy e affascinanti vampiri, uno più buono, l'altro più perverso, che stagione dopo stagione hanno tenuto incollati agli schermi tantissimi spettatori, presi dalla loro competizione per accaparrarsi il cuore dell'umana Helena. Io ero una di loro :P


"The 100" è un'altra serie TV che trae ispirazione dall'omonima serie di libri di Kass Morgan. Ho letto il primo libro di questa serie e, devo dire, che la serie TV l'hanno resa sicuramente più avvincente, anche se ho apprezzato il lato poetico e un po' malinconico del romanzo. The 100 è sicuramente tra le mie serie preferite e anche se è una di quelle che col #mainagioia ci va a braccetto, non riesco proprio a farne a meno. É fatta bene e i personaggi sono fantastici. Spero di recuperare anche tutti i restanti romanzi, prima o poi.


Veniamo adesso ad una serie tanto discussa, ma che continua ad essere confermata, ovvero "Shadowhunters", tratta dall'omonima serie di libri della prolifica Cassandra Clare. Autrice amatissima, la Clare ha creato un mondo veramente magnifico che, dopo tanto tempo, finalmente è stato portato sul grande schermo. Ricorderete tutti il film "Shadowhunters. Città di Ossa" con Lily Collins e Jamie Campbell Bower? Beh, fu un flop totale, a quanto pare, e si ritentò con una serie TV e un cast tutto nuovo, perché i fan della Clare pretendevano assolutamente che si facesse qualcosa. Detto fatto. La serie TV arriva nel 2016 e in Italia viene trasmessa da Netflix. Al momento consta di 3 stagioni (la terza non è ancora uscita), ma nonostante si discosti parecchio dai romanzi e lasci un po' a desiderare in quanto a recitazione, trama ed effetti speciali, viene ancora rinnovata e seguita. Anche in questo caso devo dirvi che io sono una di quelle che la segue. La detesta, ma la segue (solo perché amo profondamente i libri della Clare).


The Magicians è un'altra serie TV fantasy, tratta dall'omonimo romanzo di Lev Grossman, pubblicato in Italia con il titolo "Il mago" e parla di una prestigiosa scuola di maghi, la Brakebills, e delle avventure dei ragazzi che vi fanno parte. La storia del protagonista Quentin Coldwater si mescola con quella del suo romanzo preferito, "Fillory and Further", che un po' ricorda il mondo di Narnia. Una realtà parallela e pericolosa che Quentin sarà disposto a esplorare, perché quel mondo è assolutamente reale, come chi ne fa parte e diventerà una vera minaccia per lui, i suoi amici e Brakebills. Una storia di magia, magia pericolosa e oscura, ma anche molto bella e originale da vedere. Al momento trovate le prime due stagioni, trasmesse in Italia su Tim Vision, ma è in arrivo nel 2018 una terza stagione!


"Bitten" è una serie TV, uscita in Italia su Tim Vision e successivamente su Netflix, basata sull'omonimo romanzo della serie Women of the Otherworld di Kelley Armstrong. In Italia i romanzi di questa serie sono stati pubblicati da Fazi Editori. Devo confessare che i libri non li ho mai letti, ma ho guardato tutte e tre le stagioni della serie. Ho iniziato con molta curiosità ed entusiasmo e terminato giusto per sapere come andava a finire. Questa serie parla di licantropi, in particolare di una licantropa, unica femmina esistente, che dopo un po' di titubanza, accetterà la sua vera natura e cercherà di saperne di più sulla propria unicità. Se vi piace il genere ve la consiglio, ma non aspettatevi qualcosa alla Vampire Diares perché siamo proprio su binari diversi. Purtroppo.


E cambiamo un po' genere, adesso. Una serie che sta avendo molto successo, tratta dai romanzi di Diana Gabaldon, è "Outlander", che mescola storia e viaggi nel tempo. Una serie veramente avvincente, con un bel cast, ma decisamente non all'altezza dei romanzi (che sono tantissimi e non li ho mai letti tutti). Anche questa serie, rinnovata per una terza e una quarta stagione, è comunque molto amata e ha un fandom pazzesco.


Una delle ultime serie approdate in TV e tratta da un romanzo è "Tredici", basata sul romanzo "13 Reasons Why" di Jay Asher, che segue le vicende dell'adolescente Hannah Baker, che ha registrato su delle cassette i motivi che l'hanno portata a suicidarsi. In Italia è stata trasmessa da Netflix e da poco rinnovata per una seconda stagione. É una serie alquanto unica, che affronta temi forti e problemi comuni tra gli adolescenti, come bullismo, omosessualità, violenza sessuale, suicidio e molto altro. Sicuramente una serie diversa, che fa riflettere, e ha avuti riscontri controversi in molti Paesi. 

GIVEAWAY
E adesso veniamo al Giveaway! Volete vincere una fantastica copia cartacea di "Fandom"?
Tutto quello che dovete fare è compilare il form sottostante in ogni sua parte e incrociare le dita.

- Tra le varie opzioni vi verrà chiesto di commentare le tappe e seguire i blog partecipanti.


- Inoltre, mettere Mi Piace alla pagina FB De Agostini.

Form da compilare

CALENDARIO BLOGTOUR

******
Spero abbiate gradito questa tappa! Vi ricordo che oggi trovate online anche la tappa di Esmeralda viaggi e libri, perciò correte sul suo blog a scoprirla!

A presto!
xoxo


Pensieri di Dramanti: "Jugglers"

Buongiorno, miei cari! ^^
Oggi è venerdì e, come ormai saprete, torna un nuovo appuntamento dell'amatissima rubrica dedicata ai drama! Lunedì è stata Angela ad allietarci con la sua recensione di "Protect the Boss", oggi è, invece, Patty a parlarci di un drama che ha amato tanto, ovvero Jugglers, una commedia molto carina che l'ha conquistata per tanti motivi. Vi lascio alla sua opinione! Buona lettura! :)

Jugglers


Episodi: 16
Anno: 2017/2018
Cast principale: Baek Jin-Hee, Daniel Choi, Kang Hye-Jung, Lee Won-Geun
Genere: commedia
Regia: Kim Jung-Hyun
Network: KBS2
Paese d'origine: Sud Corea


Jugglers è stata una splendida sorpresa, ho cominciato a vederlo per curiosità, perché sembrava avere una trama carina e me ne sono letteralmente innamorata. Non è uno di quei drama per cui ti strappi i capelli per la disperazione, per il quale versi milioni di lacrime per il dolore che ti generano, no, qui siamo in presenza di una commedia pura, alla She was pretty per intenderci. Niente twist narrativi che ti lasciano la bocca spalancata dalla sorpresa, né drammi che portano i due protagonisti ad allontanarsi sentimentalmente per tot puntate. Qui ci troviamo di fronte all'adorabile storia d'amore tra due persone tra loro molto diverse, che riescono a trovare una intensa e a farsi del bene reciprocamente, che si supportano, si aiutano, si sostengono, si avvicinano, si comprendono e si innamorano e quando lo fanno diventano una coppia vera, con problemi da risolvere, ma da risolvere insieme, c'è dialogo, c'è intesa. 
Una cosa che ho amato tanto di Jugglers è proprio questo, non ha avuto bisogno di chissà quale storia da raccontare, ma ha parlato di persone che possono essere vere, che possono essere noi nella nostra quotidianità. Certo quella punta di destino e predestinazione tanto cara ai drama coreani c'è anche qui ed è un'altra cosa che ho apprezzato parecchio, mi piace quando è scritto nelle stelle che due sono destinati ad amarsi e stare insieme, lo trovo un concetto particolarmente romantico d'amore. Un altro punto di forza di questa commedia è che ti diverti, ti diverti sul serio, io ho riso e mi sono goduta ogni puntata con grande allegria; questo mi ha lasciato addosso la visione di Jugglers: allegria e sorrisi, e ovviamente occhi a cuoricino. Ho letto in giro commenti che dicevano che Jugglers era pieno di cliché, io più che cliché direi che era ricco di citazioni, certo alcune situazioni sanno di già visto forse, ma è interpretato così bene, è così carino e pieno di brio e verve, che davvero io non ci ho fatto caso. La prima citazione è che il look del protagonista mi ha tanto ricordato quello Clark Kent, e anche i muri sanno quanto amo Clark Kent e Superman. E ho trovato davvero esilarante una scena in cui va dal parrucchiere e questo gli fa i capelli indietro con una virgoletta davanti alla Superman. Se non è una citazione questa! Mi sono innamorata dell'ambientazione in ufficio, dell'interazione tra gli impiegati, tutti ben caratterizzati, del fatto che i due protagonisti vivono nella stessa villetta, e di tante altre cose, che hanno reso ai miei occhi Jugglers un gioiellino proprio come al tempo She was pretty. Ma basta con questo lunghissimo preambolo, passo alla trama.
Nam Chi-won (Choi Daniel) è un dirigente aziendale che tiene le distanze dai colleghi e non ha amici, non ama fraternizzare, è freddo, bravo, scaltro ma distaccato e non vuole assolutamente una segretaria. Ma deve subire l'imposizione dall'alto e viene affiancato nel suo lavoro dalla giovane segretaria Jwa Yoon-yi (Baek Jin-hee), efficiente, scrupolosa e per troppo tempo succube del suo precedente datore di lavoro, per colpa del quale è incappata in uno scandalo pur senza avere responsabilità. Il rapporto tra Nam Chi-won e la sua segretaria non parte nei migliori dei modi. Lui non accetta le interferenze della ragazza e non vuole appoggiarsi a lei, però la dolcezza e le attenzioni della giovane con il tempo finiscono per fare breccia nel muro che l'uomo ha eretto, colpa anche di un trauma del passato da cui non si è mai totalmente ripreso. Ma il loro rapporto si fa anche più complicato perché l'uomo va a vivere nello stabile della ragazza, diventando di fatto il suo inquilino. Le ripetute frequentazioni a lavoro e a casa li avvicinerà molto più di quanto avrebbero mai immaginato, aiutandoli a migliorarsi e a trovare più forza e fiducia in se stessi e negli altri. E con la stima cresce anche il sentimento, fino a che si scoprono innamorati. Ma non sarà facile gestire il loro rapporto soprattutto a lavoro, perché Nam Chi-won ha dei nemici e anche la ragazza, e presto questi proveranno a dividerli.
Non vi aggiungo di più, ma credetemi, è bellissimo vedere come il legame tra questi due giovani cresce e supera ogni problema, lo fanno insieme, innamorati e ci regalano momenti di pura gioia, con scene romantiche carinissime e anche una punta di hotness che non è poi così usuale nei drama coreani. Una cosa che ho trovato davvero originale è che il protagonista è divorziato, è la prima volta che mi capita un protagonista divorziato in un drama, è sicuramente un valore aggiunto, che ha permesso di creare anche altri tipi di dinamiche, grazie alla presenza della ex-moglie. Ma questa coppia non è l'unica protagonista di Jugglers, abbiamo altri due personaggi che mi sono piaciuti moltissimo, per l'evoluzione personale che fanno, per la crescita umana che compiono diventando più maturi, più forti e anche loro più uniti, anche se il tipo di rapporto che hanno non sfocia in una relazione romantica come per la coppia principale, almeno non sullo schermo, il loro percorso è differente ma non meno emozionale. Wang Jeong-ae (Kang Hye-jung) è una donna che è stata lasciata dal marito, madre, di 37 anni e con un gran bisogno di lavorare dopo aver fatto per tutta la vita la casalinga. Riesce a trovare un impiego proprio nella società in cui lavora la sua migliore amica Jwa Yoon-yi, ma su consiglio di questa, per riuscire a farsi assumere, altera la sua età e si spaccia per la sua sorella più giovane, nascondendo anche la sua condizione di madre e separata.
Diventa la segretaria del giovane Ceo Hwangbo Yul (Lee Won-keun), un ragazzo apparentemente sempre allegro e giocherellone, che in realtà nasconde una grande solitudine nel cuore e una situazione famigliare che lo fa soffrire. È in cerca del suo posto nel mondo, non vuole essere solo il figlio di qualcuno ma vuole realizzarsi, e far sì che la gente lo prenda sul serio. In questo Wang Jeong-ae gli sarà di grande aiuto, motivandolo, restandogli vicino e credendo in lui. Il loro rapporto diventerà molto profondo e anche lui la sosterrà quando la verità verrà fuori. La ragazza diventerà una donna realizzata, fiduciosa e piena di vita, il giovane finalmente si affermerà e raggiungerà i suoi sogni e lo faranno insieme, seguendo lo stesso percorso di crescita. Come notate, due coppie molto diverse ma entrambe interessanti e speciali da vedere sullo schermo nella loro evoluzione. I quattro personaggi sono interpretati con grande bravura e sensibilità dagli attori, che hanno saputo infondere linfa vitale e umanità a questi protagonisti. Ho apprezzato moltissimo i due lead maschili, che hanno saputo creare anche un bel legame di amicizia sullo schermo. Choi Daniel poi, che già avevo adorato in Ghost pur se in un ruolo minore, si conferma un attore con un grande talento, carisma, eleganza, presenza e simpatia. Si è definitivamente conquistato un posto nel mio cuore e lo seguirò con attenzione in futuro. 
I personaggi di contorno, come accennavo prima, sono scoppiettanti e molto ben tratteggiati anche se secondari, un perfetto corollario, e rendono più frizzanti le storie raccontate. La colonna sonora come sempre è deliziosa, mi è piaciuta tantissimo. Molte sono le scene che mi rimarranno nel cuore per la delicatezza e il romanticismo, come il primo bacio sotto la neve. Si tratta di una commedia leggera che comunque propone sempre spunti interessanti di riflessione, in questo caso rappresentati dall'importanza degli affetti, della famiglia, della correttezza sul lavoro, dell'impegno, del realizzarsi, di trovare se stessi e di lasciarsi andare ai sentimenti perché i sentimenti possono curare anche l'animo più spezzato. Jugglers è un drama giovane, moderno, supportato da dialoghi spumeggianti, ironici, con momenti toccanti ma non tragici, un drama che parla di amore, vita, quotidianità. Un drama assolutamente da non perdere. Alla prossima e fighting!


*** Patty***


giovedì 15 febbraio 2018

In libreria: "L'estate degli amori imprevisti. All That Jazz" di Natasha Boyd

Ed eccomi con una nuova, fantastica uscita, assolutamente da non perdere!
Torna in libreria Natasha Boyd, con un nuovo romanzo della sua serie Butler Cove, pubblicata in Italia da Giunti. Dopo "Un'incantevole tentazione. Eversea" (QUI la mia recensione) e "Un messaggio per te. Forever Jack" (QUI la mia recensione), arriva finalmente il romanzo dedicato Joey e Jazz, che ho desiderato leggere non sapete quanto! Keri Ann e Jack Eversea ci hanno tenuto compagnia fino ad ora, una dolcissima compagnia, con la loro storia d'amore struggente e bellissima, ma adesso tocca a Joey e Jazz, rispettivamente il fratello e la migliore amica di Keri-Ann. Avevamo già avuto, nei libri precedenti, qualche intuizione sulla loro attrazione, ma adesso sapremo come sono andate esattamente le cose anche tra questi due meravigliosi personaggi. Il libro si intitola "L'estate degli amori imprevisti. All That Jazz" ed è approdato nelle nostre librerie già dal 7 Febbraio. Se avete amato anche voi Jack Eversea e la sua storia, non potete assolutamente perdervi questa nuova, avvincente storia d'amore!

L'estate degli amori imprevisti. All That Jazz
di Natasha Boyd


Titolo originale: All That Jazz
Serie: Butler Cove #3
Prezzo: 14,00 euro
Pagine: 384
Genere: contemporary romance, new adult
Editore: Giunti (collana Y)
Data di pubblicazione: 7 Febbraio 2018



Non c'è niente di più sbagliato che perdere la testa per il fratello della tua migliore amica, soprattutto se lui è antipatico, arrogante, pieno di sé, eppure così sexy da rendere impossibile decidere se tirargli un pugno o soffocarlo di baci. Per Jazz è l'estate dei diciotto anni quando lei e Joey decidono di scambiarsi un favore innocuo: lei lo aiuta a trovare un posto da praticante presso un chirurgo amico di sua madre, mentre lui la aiuterà a prendere il diploma da bagnina. Presto i confini tra amicizia e amore si confondono, ma Joey commette un errore imperdonabile. Ora sono passati tre anni durante i quali entrambi hanno fatto finta che tra loro non ci sia mai stato niente ma quando Joey finalmente ammette che Jazz è da sempre la donna dei suoi sogni tutto si rimette in gioco...

Serie "Butler Cove":
- Un'incantevole tentazione. Eversea #1
- Un messaggio per te. Forever Jack #2
- Un regalo per due #2.5
- L'estate degli amori imprevisti. All That Jazz #3
- According to Joey #3.5 (inedito in Italia)
- Beach Wedding #4 (inedito in Italia)


******
Io questa serie la adoro! Adoro lo stile dell'autrice, i personaggi, il pathos, il romanticismo e tutto ciò che ci ha messo dentro. Inutile dirvi che non mancherò di leggere anche All That Jazz, tra l'altro i due protagonisti mi avevano già conquistato nei libri precedenti, perciò non vedo l'ora di ritrovarli e di scoprire che cosa combineranno!
E voi, avete letto qualcuno dei libri della Boyd?
Leggerete anche il suo nuovo romanzo?
Spero tanto che la Giunti pubblichi tutti i libri, fino alla fine... Beach Wedding non si può assolutamente perdere! *-* Intanto, correte a comprare questo e buona lettura a tutte!


A presto!
xoxo

In libreria: "36 domande per farti innamorare di me" di Vicki Grant

Buon pomeriggio, cari lettori! ^^
Oggi vi parlo di un romanzo uscito da pochissimi giorni, ovvero "36 domande per farti innamorare di me" di Vicki Grant, edito Mondadori. Si tratta di un romanzo veramente particolare che prede spunto da una ricerca fatta da un'università americana che cercava di rispondere alla domanda: "Perché ci innamoriamo di qualcuno?", "Si può scegliere di innamorarsi di qualcuno?". I due protagonisti del romanzo, Hildy e Paul, partecipano a questo esperimento. Chiusi in una stanza, si fanno reciprocamente le 36 domande e, alla fine, si innamorano. Insomma, come vi dicevo, una storia veramente unica, non il classico romanzo d'amore, ma qualcosa di altrettanto piacevole da leggere, che sono certa ha già stuzzicato la vostra curiosità. 

36 domande per farti innamorare di me
di Vicki Grant


Prezzo: 16,90 euro
Pagine: 290
Genere: narrativa contemporanea
Editore: Mondadori (collana Chrysalide)
Data di pubblicazione: 13 Febbraio 2018


Hildy ha diciotto anni e frequenta l’ultimo anno di liceo. Di buona famiglia, è una studentessa modello fin troppo rispettosa delle regole. Paul ha quasi diciannove anni, non ha un lavoro fisso ed è meravigliosamente sfrontato e intrigante. Hildy e Paul non si conoscono e appartengono chiaramente a mondi distanti anni luce. È probabile che non si sarebbero mai incontrati se non avessero deciso di partecipare, ognuno per le proprie ragioni, a un esperimento organizzato dal dipartimento di psicologia dell’università. Una ricerca che si propone di rispondere a un quesito semplice quanto ambizioso: può l’amore – sentimento nobilissimo e raro di cui grondano romanzi, film e canzoni pop – essere “pilotato” se non addirittura costruito a tavolino? Per capirlo, Hildy e Paul (vedi alla voce cavie) dovranno rispondere insieme a un questionario di 36 domande. Di risposta in risposta, alternando le risate ai pianti e passando attraverso arrabbiature, segreti inconfessabili, bugie, fughe improvvise e ritorni inaspettati potrebbero accorgersi che forse, al di là delle loro evidenti differenze, qualcosa di profondo li unisce. Che si tratti di quella cosa che inizia per A di cui tutti sembrano andare in cerca?

36 domande per farti innamorare di me è un romanzo fresco, moderno, pieno di “cuore” e di humour che, nel momento stesso in cui lo avrete terminato, vi lascerà con il desiderio bruciante di trovare subito uno sconosciuto tutto vostro con con il quale rispondere al questionario. E, forse, trovare l’amore.

Non so voi, ma io sono troppo curiosa di leggerlo e, mi sa, che lo farò presto :P
Intanto, fatemi sapere cosa ne pensate di questa uscita e se ci farete un pensierino :)


A presto!
xoxo

mercoledì 14 febbraio 2018

Rubrica: WWW Wednesday #35

Buon pomeriggio, cari lettori caffeinomani!^^
Torna l'appuntamento settimanale con una delle mie rubriche preferite. Adoro parlare delle mie letture e mi piace conoscere le vostre e scoprire nuovi, interessanti romanzi da aggiungere alla mia infinita wishlist. 
WWW Wednesday è una rubrica ideata dal blog Should Be Reading e riguarda le mie letture attuali, passate e future. Prevede che io risponda a tre domandine, ovvero:

What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)
What did you recently finish reading? (Quale libro hai finito di recente?)
What do you think you'll read next? (Quale libro pensi sarà la tua prossima lettura?)

WHAT ARE YOU CURRENTLY READING?
Attualmente la mia lettura è "Roseblood" di A.G. Howard, un libro che ho tanto desiderato leggere e che presto arriverà in Italia, grazie a Newton&Compton. Il 22 Febbraio, il giorno del release, partirà anche un fantastico blogtour che vi consiglio di non perdere! ;)

WHAT DID YOU RECENTLY FINISH READING?
La scorsa settimana mi sono dedicata alle mie care amiche Patty e Angy e ai loro bellissimi, meravigliosi romanzi! Quello di Patrisha Mar, "La poesia dell'anima" è già uscito il 10 Febbraio e ho già postato la mia recensione in occasione di un Review Party (QUI). La recensione di "Tutto l'infinito del cielo", di Angela Contini, arriverà invece il 22 Febbraio, e anche quel giorno parteciperò al Review Party. Ho amato veramente tanto questi due romanzi, hanno riempito il mio cuore di emozioni! *___*

WHAT DO YOU THINK YOU'LL READ NEXT?
E, a parte le letture che ho accantonato questo mese e devo recuperare, spero di trovare anche il tempo di leggere "Incontro reale" di Emma Chace, un romance che mi stuzzica parecchio e che spero sia carino come il primo, o anche di più.

******
Questo è il riassunto delle mie letture settimanali.
Le vostre quali sono?
Aspetto i vostri commenti! ^^


A presto!
xoxo


lunedì 12 febbraio 2018

Anteprima: "I fiori non hanno paura del temporale" di Bianca Rita Cataldi

Arriva in libreria, il 22 Febbraio, un altro romanzo molto atteso, quello di Bianca Rita Cataldi, giovane autrice dal talento straordinario, al  suo esordio con la casa editrice Harper Collins Italia. Una storia familiare e intensa quella che ci racconta nel suo romanzo, "I fiori non hanno paura del temporale". Una storia imperdibile!

“Ecco cos'è l'amore. Incontrarsi il 30 di febbraio e amarsi sui colori freschi finché non prendono forma. Non era la nonna a essere strana. Eravamo strani noi che ci innamoravamo in un giorno qualunque e facevamo l'amore sulle lenzuola inamidate, noi che dimenticavamo la terra e le radici, il refrigerio delle piogge e la necessità del dolore. Noi che smarrivamo il coraggio, che ci dimenticavamo di lottare, che ci addormentavamo troppo presto o troppo tardi, che credevamo in un dio soltanto o in nessun dio affatto, che non capivamo l'importanza fondamentale del dubbio. Noi eravamo quelli strani.”

I fiori non hanno paura del temporale
di Bianca Rita Cataldi


Prezzo: 17,00 euro
Pagine: 288
Genere: narrativa
Editore: Harper Collins Italia 
Data di pubblicazione: 22 Febbraio 2018


Bologna 1997. Corinna ha 17 anni, i capelli rossi e un viso ricoperto di lentiggini su cui spiccano due occhi d’acciaio. È la figlia del primo grande amore di sua madre che l’ha abbandonata subito dopo il parto. Serena ha 7 anni ed è la sua sorellastra. Il suo desiderio più grande è farsi considerare da quella sorella maggiore così misteriosa, sempre rintanata dietro le pagine di un libro o con uno walkman nelle orecchie. Vivono in una grande e caotica famiglia allargata in cui vige il matriarcato e dove per ogni decisione ci si rivolge al consesso delle antenate riunite in un’unica cappella di famiglia al cimitero. L’equilibrio familiare inizia a vacillare quando Corinna riceve una strana scatola, è piena di oggetti apparentemente scollegati tra loro ed è l’ultimo regalo del suo vero padre, morto improvvisamente in un incidente. Corinna decide di partire, insieme a Serena, per una caccia al tesoro per le vie di Bologna alla ricerca dei ricordi perduti, del segreto delle sue radici e, inevitabilmente della propria strada nel mondo.

L'autrice

Nata nel 1992 a Bari, laureata in Filologia Moderna, diplomata al Conservatorio, ha appena vinto un dottorato a Dublino. Lavora come editor e ghostwriter. È stata finalista al Premio Campiello Giovani 2009, è socia ordinaria dell’EWWA (European Writing Women Association) e del Movimento Internazionale Donne e Poesia.

*****
Il romanzo di Bianca Rita Cataldi sembra davvero toccante e bellissimo, vi consiglio di non perderlo, se avete voglia di una lettura più che speciale.

A presto!
xoxo