Recensioni

lunedì 29 aprile 2013

Le interviste del blog: Davide Roma, autore de "Il bacio di Jude"

E, adesso, amici, se mi avete seguita su facebook, sapete che è prevista una nuova intervista!
Volete sapere qual è il misterioso autore che ho intervistato per voi oggi?
Ho avuto l'onore di fare due chiacchiere col bravissimo Davide Roma, autore de "Il bacio di Jude", romanzo edito Sperling&Kupfer, di cui potete leggere QUI la mia recensione, pubblicata non molto tempo fa;)
Il Bacio di Jude è un romanzo che mi ha piacevolmente sorpresa, ecco perché, con tante domande in testa, ho chiesto all'autore di parlarmi un po' del suo romanzo d'esordio, di se stesso e dei suoi progetti attuali e futuri...
 Ecco a voi l'intervista!
Aspetto come sempre le vostre opinioni;)

Il libro

Il bacio di Jude
di Davide Roma

<<Non senti il desiderio di diventare tutto ciò che gli altri disapprovano?>>


Prezzo: 17,90 euro
Pagine: 289
Editore: Sperling&Kupfer (collana Pandora)

La vita in un paese piccolo come Twindale, Massachusetts, può essere noiosa. Molto noiosa. Ma Jude Westwick, diciassette anni e un animo ribelle, ha trovato un modo tutto suo per evitare la monotonia della provincia: infrangere ogni regola. Ecco perché si diverte a fumare nel cortile della scuola proprio sotto il cartello "vietato fumare", e a fare a pugni nei corridoi solo per attirare l'attenzione di Emily, la biondina per cui si è preso una cotta colossale. Ed ecco perché il preside ha deciso di punirlo. Costringendo lui, e il suo migliore amico Big Head, a passare il sabato pomeriggio in biblioteca. Jude è furioso. Eppure, quel pomeriggio, la sua vita cambierà per sempre. Infatti, sfogliando i vecchi giornali dell'archivio, s'imbatte nella notizia di un efferato fatto di sangue, consumato quarant'anni prima, proprio nel sotterraneo della casa in cui abita con i genitori. Incuriosito, decide di cercare il passaggio per il sotterraneo e scopre così un segreto terrificante: una stanza chiusa a chiave da sempre, piena di misteriosi volumi vergati a mano. Volumi che parlano di lui. In quella stanza è sepolto l'intero destino di Jude. Un destino spaventoso, oscuro, crudele. Ma il destino è davvero ineluttabile? O c'è un modo per cambiare ciò che è già scritto? Grazie all'amore di Emily, e all'aiuto di Amber, una tormentata ragazza dai capelli rossi come il fuoco, Jude dovrà imparare a conoscere la sua vera natura e a dominarla. Compiendo così la scelta più difficile di tutte...


L'autore


Davide Roma è nato a Varese nel 1982. Ha frequentato i corsi di scrittura creativa di Raul Montanari e la scuola Holden. Da sempre appassionato di urban fantasy, ha gestito diversi forum dedicati alla saga Twilight.  Vive tra Milano e Roma e studia Scienze della Comunicazione.
L'intervista


- Ciao Davide! Sono contenta di poterti ospitare sul mio blog, era da tempo che desideravo fare questa intervista! Grazie mille per aver accettato!:)

Grazie a te per l'invito, mi fa molto piacere.

- Cominciamo parlando del tuo libro. Quando è nata l'idea di scrivere Il bacio di Jude?

Prima ho avuto l'idea iniziale, ed è stata come un bigbang. Un ragazzo scopre nella villa dove abita con i suoi genitori l'esistenza di un sotterraneo murato. Riesce ad accedere al sotterraneo tramite un passaggio segreto e una volta giunto lì sotto si imbatte in un segreto. Un segreto terrificante che riguarda la sua natura...

Ho cominciato così, tre anni fa!


- Quindi ti ci sono voluti tre anni per portare a termine il romanzo? Quali difficoltà hai incontrato sul tuo cammino?

No, mi riferivo proprio all'idea, che è rimasta in un cassetto per alcuni mesi perché stavo lavorando a un altro progetto che, successivamente, ho rimandat. Poi quando ho iniziato a scrivere Jude, ho impiegato pochi mesi. 

Mi sono chiuso in casa come un eremita e ho vissuto a stretto contatto con il romanzo. In realtà, non ho trovato difficoltà nella stesura. Più che altro, ricordo solo la sensazione di non sapere cosa mi avrebbe portato: era una sorta di salto nel buio, senza garanzie. Però, in parte, questo l'ha reso più intrigante.


- E questo salto nel buio, però, ti ha portato alla Sperling&Kupfer...  Come sei giunto ad una casa editrice così importante?

E' una storia a lieto fine, in effetti  Quando sono riemerso nel mondo reale, con il romanzo completato, l'ho inviato immediatamente alla mia agente, Loredana Rotundo. Lei lo ha proposto in lettura alle principali case editrici italiane, e qui c'è stato il "colpo di scena" (perlomeno, per un esordiente!): i responsi sono giunti subito... ed erano tutti entusiasti! Quindi, c'è stata addirittura un'asta per il romanzo. E alla fine sono approdato a Sperling.

- Beh, decisamente una storia a lieto fine! :) Comunque sentirti definire un esordiente mi sconvolge! Leggendo Il bacio di Jude ho proprio pensato l'opposto... dai l'impressione di essere un autore navigato! Che tipo di preparazione hai alle spalle?

Grazie. Ho frequentato i corsi di scrittura di Raul Montanari. Lui e Tiziano Scarpa (un Premio Strega addirittura!), che aveva letto alcuni miei racconti quando avevo solo 21 anni, sono stati i miei scopritori, per così dire. 

Durante il corso, Raul notò il mio talento, o perlomeno secondo il suo giudizio :) Una delle mie doti principali era la "versatilità": riuscivo a scrivere racconti di qualunque genere. Al corso ho affinato il talento di narratore e in più ho alle spalle letture molto ampie.


- Che tipo di letture?

Ho sempre amato molto la narrativa americana degli ultimi trent'anni da una parte e la magia della narrativa ottocentesca dall'altra. Insomma, anche nelle letture sono versatile! Dunque... da ragazzino il mio idolo era Bret Easton Ellis (quello di "American Psycho) e leggevo molti narratori contemporanei come lui, Irvine Welsh, David Forster Wallace ecc. Poi, nel corso degli anni, ho mantenuto intatto l'amore per i narratori che mi incantavano da bambino: Dumas, Stevenson, Conan Doyle, Poe. Una magia che ho ritrovato anche nelle opere di J.K. Rowling. Se dovessi indicare il mio libro preferito in assoluto, forse direi: "Il Grande Gastby".

- Una grande varietà di letture, effettivamente, che hanno fatto di te ciò che sei adesso!:) Anche il nostro Jude è un tipo molto preparato... quanto vi somigliate tu e lui?

C'è qualcosa di autobiografico in diversi personaggi, con percentuali variabili. Jude possiede la mia stessa passione per la musica e la sua stanza da teenager ricorda molto com'era la mia! Per distaccarlo da me, ho aggiunto il dettaglio che a lui non piace leggere (se ricordi, nel romanzo non va oltre le graphic novel!). Nel complesso, ci somigliamo meno di quanto si creda.

- I gusti cinematografici, però, mi sembrano simili, no? Ci sono diversi riferimenti a Christopher Nolan... e se non sbaglio, ho letto che anche tu ami questo regista, che addirittura la colonna sonora del suo Batman ha ispirato delle scene del tuo romanzo... Confermi? :)

Sì, certo. I gusti musicali e cinematrografici... sono identici! Gli ho tolto solo la lettura  Christopher Nolan è il mio idolo, l'unico artista contemporaneo in grado di rivaleggiare con i grandi del passato. Paragonarlo a gente come Hitckcock e Kubrick non è un'esagerazione, ormai. Mentre scrivevo il romanzo (e mentre scrivo in generale) ascolto spesso colonne sonore dei film di Nolan. In particolare, le colonne sonore di "Inception" e di "The Dark Knight" che, tra l'altro, a parte i film in sè, sono stupende (quindi diamo merito anche ad Hans Zimmer, il compositore!). Ho inserito Nolan nei ringraziamenti del romanzo. E' una delle mie fonti di ispirazione.

- A parte fonti d'ispirazione musicali, ne hai avute altre, nel comporre il romanzo?

La musica è il principale carburante delle fantasie. Poi ho avuto ispirazioni cinematografiche. La trilogia di Nolan mi ha influenzato. Il primo volume, più nei canoni del genere, è una sorta di "Jude Begins". Il secondo, che ho quasi ultimato, sarà più simile a "Il cavaliere oscuro": Jude andrà alla scoperta del suo lato oscuro, ci saranno più tenebre, la parte da high-school risulterà ridotta. Jude sarà più simile al Joker che a batman.

Poi tutti i film, che nel romanzo sono citati, come "Ritorno al futuro" (Eric ricorda volutamente Biff Tannen), Jude ha la stessa leggerezza di Marty McFly, senza dimenticare l'influenza di serie televisive americane, come "Twin Peaks" e "Buffy The Vampire Slayer".


- Wow, mi hai messo addosso una gran curiosità verso il secondo romanzo! :))) Jude andrà alla scoperta del suo lato oscuro.... Non vedo l'ora di saperne di più! Parliamo proprio di questa divergenza di Jude, della "doppia anima", Bene e Male, che lo caratterizza...

Lo spunto aveva un grande potenziale narrativo perché, insieme al dono, c'è il rovescio della medaglia: scopri di avere, in pratica, dei superpoteri e allo stesso tempo di essere destinato al male. Nel primo volume, Jude pare rifiutare la propria natura e, salvo poche scene, si comporta a tutti gli effetti come un "eroe". Nel secondo, perlomeno in una parte del romanzo, lo farò scatenare un po'  La domanda è: fino a che punto conta il libero arbitrio e dove invece entra in scena la predestinazione? Come Achille, Jude pare avere un destino segnato. Anche se il personaggio di Gerald Freund e ciò che fa, serve per rammentare al lettore l'importanza del libero arbitrio. La domanda che riecheggia nel romanzo è: "non senti il desiderio di diventare tutto ciò che gli altri disapprovano?" indica la fascinazione del male, la tensione continua tra luci e ombre.

- Sei molto legato al personaggio di Jude, immagino... Con quale altro pensi di avere un particolare legame?

Amber e Big Head, soprattutto. Gli sono proprio affezionato. Dal punto di vista narrativo, apprezzo molto Connor e Freund: è come se fossero lo stesso uomo, visto in due età diverse (negli anni dell'ascesa Connor, negli anni del declino Freund). 

Di Amber mi potrei innamorare, nel mondo reale, se esistesse.


- Sono una fan di Amber e Big Head anch'io! :)  Beh, parlando d'amore... Jude ha una bella scelta davanti: da un lato la meravigliosa Emily, dall'altro l'appassionata Amber... Ci sarà più spazio per l'amore nel secondo libro? Jude avrà le idee un po' più chiare a riguardo?

Il secondo volume è incentrato sul Legame Gemini e sul rapporto tra Jude e Amber: su un segreto, di cui solo Gerald Freund è a conoscenza, che riguarda loro due. Perciò direi che, insieme al lato oscuro di Jude, sarà l'argomento principale.

- Volevo farti delle domande su cosa ci aspetterà nel secondo volume, ma involontariamente mi hai già risposto, disseminando nelle tue precedenti risposte tante piccole chicche... beh, c'è qualcos'altro che vorresti far sapere ai fan di Jude riguardo a cosa li attende?

La parte in cui Shaitan prende il sopravvento e Jude diventa malvagio è ambientata interamente nella "città della Mano Sinistra": MANHATTAN!!! Ed è descritta in modo molto dettagliato (conosco bene l'ambientazione ecc.). 

C'è anche una parte ambientata a Londra a fine ottocento in cui compaiono i membri fondatori della Golden Dome.


- Che meraviglia! C'è da dire che uno dei punti forti del tuo romanzo è sicuramente il contesto internazionale della trama... come mai questa scelta? Che, tra l'altro, io ho adorato... l'ha reso molto più avvincente di quanto pensassi!

Viste le fonti di ispirazione, il cinema americano ecc., mi sentivo più a mio agio (anche per tutto l'immaginario fatto di: feste di halloween, sedicenni che possono già guidare, partite di biliardo, highschool ecc.). In più ho passato diverse estati a Boston, dai miei parenti italo-americani, e quindi conoscevo molto bene l'ambientazione.

- Bene, adesso parliamo del progetto che è stato avviato in questi giorni, ovvero una collaborazione musicale per la creazione di videoclip ispirati a Il bacio di Jude e i suoi protagonisti... Non tutti ancora ne sono a conoscenza, vuoi spiegarci meglio di cosa si tratta? :)

Tra i fan di Jude ci sono alcune rapper, come Dydo, degli HugaFlame. Insieme a lui abbiamo ideato un modo innovativo, e divertente, per parlare di letteratura. Abbiamo realizzato tre videoclip dedicati a tre personaggi del romanzo - Emily, Amber e Jude - con la musica degli HugaFlame, il rapper Dydo che legge alcuni brani del mio romanzo e un cast molto somigliante.

I videoclip saranno caricati nei canali YouTube dei rapper che hanno aderito al progetto (oltre a Dydo, c'è Skacko, che interpreta Jude, avendo l'aspetto adatto). Ogni martedì a partire da settimana scorsa. Domani (martedì 30) metteremo online il videoclip dedicato ad Amber. 
Alla fine i tre video si uniranno in un cortometraggio finale con musica degli HugaFlame concepita ad hoc per l'occasione.


- Mi sembra un'iniziativa bellissima!:) Ho già avuto modo di vedere il primo videoclip e aspetto con ansia anche gli altri!
Eccolo, per chi se lo fosse perso...



 Tra l'altro tu, tempo fa, quando mi hai parlato per la prima volta dell'iniziativa, mi hai detto anche che quello di Amber è il tuo preferito, se non sbaglio... lei è molto somigliante al tuo personaggio!

L'attrice è identica. Al punto che non abbiamo nemmeno dovuto truccarla. Quando è arrivata sul set, ci sono rimasto secco!

- Ok, qualche domandina random adesso e ti lascio, ti ho torturato abbastanza:P Sei soddisfatto della scelta della cover de Il bacio di Jude?

Sì. Ti racconto un aneddoto. Mi avevano proposto due alternative e alla fine ho scelto questa perché il rosso è il mio colore preferito e perché lui assomiglia a Heath Ledger, uno dei miei attori preferiti! Due coincidenze che mi sono sembrate di buon auspicio!

- La tua attrice preferita invece?:P

Anne Hathaway!

- Quale libro hai al momento sul comodino?

Ne ho diversi: "La strada" di Cormac McCarthy e alcuni di colleghi scrittori italiani che sto leggendo.

- Qual è lo scrittore italiano che apprezzi di più?

Difficile sceglierne uno solo. Tra i contemporanei intendi? Citerei: Niccolò Ammaniti, Eraldo Baldini, Giuseppe Culicchia.

- Beh, inutile chiederti il tuo film preferito... però ti chiedo, ce n'è qualcuno che da piccolo pensi ti abbia condizionato?

"Ritorno al futuro" e i "Ghostbusters" da bambino.

- Qual è il momento della giornata in cui preferisci scrivere?

Preferirei scrivere di notte. Un periodo che va bene per la fase di "ideazione" del romanzo. Quando si passa alla prima stesura vera e propria, scrivo di pomeriggio. E' più pratico, per quanto meno romantico. :)

- Ultimissima domanda, promesso:P Qualche informazione sui tuoi progetti futuri, oltre al seguito de Il bacio di Jude?

Sì, certo. Sto lavorando a un altro romanzo. Cui tengo molto. Posso anticipare soltanto una cosa: sarà un "remake" in chiave moderna di uno dei miei classici preferiti. :)

- Uhhhhhhh sono curiosissima!!! *_* Bene Davide, abbiamo terminato!:) Sei stato molto carino e gentile a rispondere pazientemente a tutte le mie domande... grazie per il tuo tempo! Inutile dirti che aspetto con impazienza aggiornamenti sui tuoi prossimi progetti, sono sicura che saranno tutti fantastici! soprattutto questo "remake" ;)

Grazie a te!!! :)

Che ve ne pare dell'intervista?
E' servita a farvi conoscere un po' di più questo autore di talento e il suo splendido romanzo?
Siete curiosi, come me, di leggere il seguito?

VI RICORDO CHE DOMANI SARA' ONLINE IL SECONDO VIDEOCLIP DEDICATO A "IL BACIO DI JUDE", CON PROTAGONISTA AMBER :) Non perdetelo!!! ;)

Alla prossima!


2 commenti:

  1. Mi devo sbrigare a leggere IL bacio di Jude!!!
    bella intervista!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che ti piacerà molto, Mary! A me ha sorpreso, è davvero un bel libro!!:)

      Elimina

Commentare non costa nulla!:) Lascia pure il tuo commento, sarò felice di risponderti;)