Recensioni

giovedì 6 dicembre 2012

Le Recensioni di Alex: "Lost Grace" di Bree Despain

Carissimi followers,
in questa fredda giornata invernale, la nostra Alex ha deciso di rallegrarci la giornata con una bella recensione. Se avete letto "Dark Divine" di Bree Despain e siete curiosi di sapere cosa accade nel suo seguito, ecco l'opinione di Alex...

Lost Grace
di Bree Despain

Serie: The Dark Divine #2
Prezzo: 17,90 euro
Pagine: 339
Editore: Sperling & Kupfer (collana Pandora)

A volte solo la morte può ridare la vita. E salvare un amore che sembrava impossibile. Lo sa bene Grace Divine che, in una notte di luna piena, ha compiuto il più crudele dei sacrifici: pur di salvare Daniel, di cui è disperatamente innamorata, ha rinunciato per sempre all'affetto del fratello Jude e ha condannato la propria anima alle fiamme della dannazione eterna. Ora dentro di lei si nasconde un mostro. Silenzioso, crudele e assetato di sangue. Un mostro pronto a risvegliarsi in qualunque momento. Ma Grace è decisa a non arrendersi. Vuole ritrovare la serenità perdendosi negli occhi scuri di Daniel e vivere finalmente quell'amore per cui ha sacrificato se stessa. Una notte, però, mentre Grace e Daniel stanno guardando le stelle cadenti, dimentichi di tutto e tutti, accade qualcosa che turba la tranquillità appena conquistata: Grace riceve un'inquietante telefonata. È Jude che, con voce concitata, la avvisa di un imminente pericolo e la esorta a non fidarsi più di nessuno. Nemmeno di Daniel. Ed è forse per paura o per i misteriosi giochi del destino che Grace stringe amicizia con Talbot, un ragazzo dal fascino enigmatico arrivato in città da poco, che sembra sapere tutto di lei e della maledizione che pesa sulla sua anima. E mentre il sentimento tra i due si trasforma in qualcosa di più, Grace sente il proprio cuore vacillare. Daniel è sempre più lontano, e il mostro addormentato dentro di lei è sempre più vicino. Pericolosamente vicino.

A volte solo la morte può ridare la vita... e salvare un amore che sembrava impossibile.

Prima di leggere Lost Grace mi sono concessa il piacere di rileggere il primo capitolo di questa saga, ovvero Dark Divine.
Un pò perchè oramai era trascorso un anno intero dalla mia ultima lettura e anche perchè adoro dare un senso di continuità a ciò che ho amato leggere!

Le 4 stelle che diedi al primo vi possono lasciar intendere quanto abbia atteso questo secondo capitolo della trilogia di Bree Despain... ma a quanto pare la maledizione del lupo o del sequel non hanno risparmiato questa saga!

Ritroviamo Grace e Daniel 10 mesi dopo ill fatidico giorno nel quale lei salvò il suo fidanzato dalla maledizione del lupo, poco prima di essere morsa e infettata a sua volta dal fratello Jude.
Nell’estate che sta volgendo al termine Grace viene addestrata da Daniel per riuscire a sviluppare e controllare i suoi nuovi poteri, cercando di perfezionare una sorta di equilibrio interiore che le permetterà di tenere a bada il lupo che reclama di prendere il sopravvento della sua mente!
L’anima di Daniel è salva e per Grace non c’è nulla di più importante ma adesso è la sua a essere tentata!
Jude abbandona la sua famiglia a causa del grande senso di colpa nei confronti della sorella e questo avvenimento distrugge la serenità della famiglia Divine. La madre di Grace alterna fasi da maniaca del controllo ad uno stato quasi catatonico nel quale ascolta di continuo i notiziari in cerca del volto del figlio scomparso. Il reverendo Divine oramai trascorre la maggior parte del suo tempo fuori casa nella continua ricerca del figlio e Grace riesce a stento a mantenere la sua media scolastica e a seguire gli allenamenti con Daniel, che vorrebbe cercare una cura per lei... e sogna il Trenton college per entrambi.
Il tutto viene peggiorato da una serie di crimini, atti vandalici e rapine che si susseguono a ritmo sempre più frequente nella tranquilla cittadina di Rose Crest.
Da questo momento in poi Grace, poco alla volta, vede vacillare tutte le sue certezze: la sua famiglia sgretolata dal dolore, Daniel diventa sempre più freddo e distante nei suoi confronti, April la sua migliore amica la evita da quando ha scoperto il suo segreto. Jude il fratello che non vede da mesi, si fa vivo con una telefonata nella quale la avverte di non fidarsi di nessuno e che qualcuno sta arrivando in città a prenderla!
Grace è sempre più sola, sembra che proprio le persone che hanno promesso di amarla e proteggerla adesso abbiano creato un muro intorno a lei fatto di bugie, silenzi e liti.
Ecco che proprio nel momento di maggiore vulnerabilità di Grace arriva il famigerato “buon samaritano” un ragazzo di nome Talbot che con la sua aria da ragazzo di campagna sostiene, incoraggia e copre Grace di tante attenzioni, la fa sentire utile e importante!
Ma Grace cederà alle sue lusinghe?

Daniel continua ad amarla nonostante lei adesso sia un’altra Grace?
Le bugie creano una voragine sempre più profonda e allontanano Grace dalla verità... ad un passo dal perdere se stessa e le persone che ama per sempre!
L’azione dell’intero libro risiede proprio negli ultimi capitoli che svelano parte dei segreti e fanno chiarezza sui dubbi che ancora non avevano avuto una risposta... ma adesso altre incognite attendono l’ultimo capitolo di questa saga!

Solo un sacrificio fatto per amore può modificare il corso degli eventi!

I personaggi 

Grace cambia radialmente il suo carattere sia per via del lupo che porta in sè, che la tenta con pensieri volenti e la sprona a metterli in atto contro la sua volontà. Ma anche perchè Daniel e i suoi genitori cambiano drasticamente il loro atteggiamento lasciandola sola con la maledizione che porta in sè!
Daniel che avevo amato per il fascino del suo carattere misterioso e per i suoi trascorsi da bad boy, adesso mi fa provare solo una tremenda antipatia per lui... è assurdo il modo nel quale intende proteggere Grace ricoprendo la di bugie e mezze verità!
I genitori di Grace poco coerenti, impongono coprifuochi assurdi alla figlia e poi la madre vegeta davanti alla tv e il padre scompare per settimane??????
Su Talbot manterrò un pò di riserbo... a parte che detesto le camicie di flanella a scacchi, aldilà di ciò credo che per lui ci saranno dei risvolti interessati nel terzo capitolo!

Mi risulta alquanto impossibile non fare dei parallelismi con il primo libro, in Dark Divine il mistero e il fascino dell’amore impossibile hanno catalizzato immediatamente la mia attenzione già dai primissimi capitoli... ma in questo sequel sembra che la trama già da subito segua un percorso prestabilito e inevitabile. Ho la certezza di sapere dove la Despain voglia andare a parare quando, capitolo dopo capitolo, i protagonisti hanno un cambio repentino di personalità.
Grace vede andare in pezzi la sua famiglia “perfetta”, il suo amore per Daniel si veste di bugie e segreti e ogni giorno che passa è sempre più sola... esatto, sembra fatto apposta, quando lei ha bisogno di sostegno e chiarezza, tutti diventano di colpo misteriosi ed enigmatici... le persone che ama si allontanano di colpo..

Insomma non le resta che perdersi e sbagliare... inevitabilmente!

Ed eccolo lì a far capolino il tanto atteso terzo incomodo o triangolo o buon samaritano, qualsiasi appellativo vogliate dare alla new entry di fatto è questo il suo obbiettivo: creare un presunto diversivo alla trama, che aimhè stava cadendo nell’ovvio più totale!
Al nostro Talbot ragazzotto aitante di campagna viene affidata la veste di cavalier servente e per la nostra Gracie diventa la via d’uscita e il sostegno in questo periodo difficile della sua vita! 
Sorvolerò sul fatto che in Lost Grace l’azione non faccia tanto capolino nella trama, se non fosse per qualche (tafferuglio) vero o presunto tale... il ritmo dell’intero libro sembra  un tantino lento... solo negli ultimi tre capitoli ho la sensazione che alla trama sia stata iniettata una dose di adrenalina che ha reso il ritmo più veloce e interessate!
Ho apprezzato lo stile narrativo del primo libro,c osa che non posso affermare anche di questo sequel.
 Il mio punto di vista è che il secondo capitolo di una trilogia deve consacrare il successo di una saga, deve sviluppare la trama e catturare il lettore con novità e nuove incognite... non dare qualche briciola di emozioni per poi scemare nello scontato con il solito triangolino!
Dopo aver terminato questo libro ho solo una flebile curiosità per l’ultimo capitolo ,spero proprio che l’autrice riesca a dare un bel finale a questa storia che mi era rimasta nella mente per diversi giorni!
Pretendevo di più da questo sequel... o forse sto diventando meno intransigente in fatto di trame, dalle quali pretendo originalità a tutti i costi ;)

VOTO:  3 stelle Goodreads

Questa recensione partecipa alla "Hogwarts Reading Challenge", organizzata da Denise, sul blog "Reading is Believing". Fa parte della casa "Grifondoro".


11 commenti:

  1. anche questo è in attesa dell'uscita del terzo, prima che la qui presente (io) mi dedichi alla lettura..sono poche le saghe che inizio senza avere almeno tutta la serie..temo di diventare matta nell'attesa:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ti capisco bene, anche io faccio spesso così, l'attesa dei seguiti, infatti, è micidiale... all'idea di tante saghe che ho iniziato e chissà quando terminerò, anch'io divento matta:(

      Elimina
    2. Vale hai ragione a voler aspettare che una saga sia stata pubblicata tutta,prima di iniziare a leggerla ma io spesso non riesco a resistere ,,,,,,troppo spesso direi ;)
      Fidati come dice dice la mia Socia ad aspettare i seguiti si diventa più che matte ;)

      Elimina
  2. Aspettavo questa recensione proprio per avere un'idea se leggere Lost Grace il prima possibile o più in là nel tempo.
    Ha vinto "più in là nel tempo" xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha Nym il tuo “più in là nel tempo” mi sta facendo sorridere xd ;)
      furbetta lei....
      Ora sarò io la prox volta ad aspettare la tua recensione di Savage Grace,prima di leggerlo hihihihi :*

      Elimina
  3. Anche io aspetto.. Non ho ancora letto nemmeno il primo... Rientra nella TBR :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. what TBR...traslate please ahahahaha
      Il primo ribadisco interesante

      Elimina
  4. Non ero stata una delle fan sfegatate di Dark Divine, tanto che ho Lost Grace da parecchio (in inglese) e ancora giace lì, non letto. La recensione di Alex come al solito è tanto precisa e dettagliata (*_* <3 adoro questa donna) e forse FORSE mi deciderò a leggerlo. Ora devo solo trovare il tempo... sigh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *Arrossisce contenta* per il commento ;*
      Sai tesoro più libri leggo e più divento esigente,che questo sia un bene o un male non posso dirlo....ma purtroppo spesso una trama interessante non sviluppa un libro originale ;)
      Il tempo quando un libro ci cattura lo troviamo ad ogni costo no?

      Elimina
  5. Non ho letto nessuno di questi due libri!!! :(
    dovrò rifarmi!!!prima do la precedenza ad altri libri però!!
    complimenti per la recensione cara!

    RispondiElimina
  6. Noooo, io avevo amato Daniel!!! T_T

    RispondiElimina

Commentare non costa nulla!:) Lascia pure il tuo commento, sarò felice di risponderti;)