Recensioni

domenica 20 marzo 2016

Recensione: "Sortilegio" di Rachel Hawkins

Buon pomeriggio! ^^
Eccomi con una nuova recensione per voi! E' uscito, finalmente, il terzo romanzo della saga fantasy di Rachel Hawkins, Hex Hall. "Sortilegio" è il capitolo conclusivo di una bellissima e divertente avventura che mi ha conquistata sin dal primo momento. Sono stata contenta di far parte del blogtour che è stato organizzato e sono ancora più contenta di potervi finalmente parlare di questo romanzo che, come gli altri, mi è piaciuto tantissimo (QUI la recensione di Maleficio).
Ringrazio immensamente la casa editrice per avermi dato l'opportunità di leggerlo in anteprima, in cambio di una mia onesta opinione.

Sortilegio
di Rachel Hawkins


Titolo originale: Spell Bound
Serie: Hex Hall #3
Prezzo: 14,90 euro
Pagine: 256
Genere: fantasy, young adult, paranormal
Editore: Newton&Compton 
Data di pubblicazione: 17 Marzo 2016




Proprio quando Sophie Mercer aveva deciso di accettare i suoi straordinari poteri magici, tipici di un demone, il Consiglio glieli ha tolti. Ora Sophie è indifesa e in balia dei suoi nemici giurati, le Brannick, una famiglia di donne guerriere che dà la caccia ai Prodigium. O almeno questo è ciò che Sophie pensa, fino al momento in cui non farà una scoperta sorprendente. Le Brannick sanno che una guerra epocale sta arrivando, e credono che Sophie sia l’unico essere abbastanza potente da salvare il mondo. Ma senza la magia, Sophie non è così sicura di sé. Riuscirà a riottenere i suoi poteri prima che sia troppo tardi?

La serie Hex Hall si pone sicuramente tra le letture più carine che abbia mai fatto. Di un fantasy ciò che amo di più è la complessità della trama e il worldbuilding originale e unico, per una volta invece sono stata rapita da una storia semplice, che racchiude anche parecchi cliché, ma che è riuscita ugualmente a farsi amare e a trasmettermi sensazioni ed emozioni positive. La serie di Rachel Hawkins ha il pregio di essere leggera, divertente e ricca di azione e sentimento. L'ho amata dal primo momento e, sebbene non spicchi per epicità, è comunque una lettura che si fa apprezzare, con una protagonista simpatica e degna di nota. Hex Hall è la scuola in cui giovani Prodigium imparano a controllare ed usare i propri poteri. Molte creature sovrannaturali si ritrovano a far parte di questa scuola, compresa Sophie, la protagonista del romanzo, che ha scoperto di essere ben più di una semplice strega. Dopo averla vista alle prese con disavventure di ogni genere, siamo giunti al capolinea. Alla resa dei conti finale. Fuggita da Thorne Abbey, la residenza del Consiglio, con l'aiuto di Cal, Sophie si ritrova nella tana delle Brannick, pericolose cacciatrici di Prodigium. Ma prima di lasciarsi prendere dallo spavento e incapace di difendersi se non con l'aiuto dello spirito di Elodie, scoprirà proprio in questo luogo una verità che la riguarda e le carte del suo destino verranno rimescolate nuovamente. Nel frattempo, le terrificanti sorelle Casnoff non si sono di certo arrese e stanno escogitando un nuovo, diabolico piano per creare il loro esercito di demoni. E così, Sophie, insieme a tutti gli altri Prodigium, si ritroverà, inaspettatamente, catapultata nella scuola di Hex Hall, che non è più la scuola di un tempo, ma è un luogo molto più inquietante e fatiscente di quello che ricordano. L'edificio è adesso circondato da una fitta nebbia assassina ed è praticamente impossibile fuggire. Le Casnoff, coloro che hanno messo a punto questo sortilegio, sono più strane e misteriose che mai. Tutti i Prodigium dovranno stare alle regole delle due streghe, senza neanche sapere cosa ciò comporterà.
Un nuovo mistero da risolvere per Sophie, che si prefiggerà di sconfiggere una volta per tutte il nemico e far tornare Hex Hall com'era un tempo, restituendo a tutti la serenità. Ma la guerra è appena iniziata e per portare a compimento la sua missione, Sophie dovrà affrontare delle prove difficili, arrivando persino ad attraversare l'Oltretomba per procurarsi le armi che la aiuteranno nel suo scopo. Per quanto la nostra eroina sia intraprendente, non ce la farebbe mai senza avere accanto dei validi collaboratori. Ritroviamo, infatti, al suo fianco l'amica del cuore Jenna, una vampira con una spiccata adorazione per il colore rosa. Cal, il ragazzo a cui è stata promessa, un amico dal grande cuore, con un potere speciale e un forte attaccamento a lei e alla Hex Hall. Poi c'è Archer, il ragazzo di cui Sophie è innamorata, membro dell'Occhio di Dio, il più acerrimo nemico dei demoni. In questo romanzo, però, avremo anche la presenza di nuovi personaggi, che porteranno una piacevole ventata d'aria fresca alla storia, come le Brannick, abili guerriere con intriganti personalità (ad una di loro l'autrice ha dedicato un spin-off, che Newton&Compton pubblicherà prossimamente... Evviva!). La Hawkins ci regala come sempre una storia che si legge tutta d'un fiato, grazie al suo ritmo sostenuto e al susseguirsi di colpi di scena che non danno tregua. L'ironia è come sempre un punto forte della serie, che non manca mai di sdrammatizzare i momenti più critici e rendere la protagonista terribilmente adorabile.
Anche se Sophie in questo romanzo è priva dei suoi poteri, non mancherà di dimostrare quanto vale. Coraggio e determinazione non le mancano, oltre quell'insaziabile bisogno di salvare le persone che ama e sacrificarsi per loro. Ho apprezzato di questo terzo capitolo, la maggiore attenzione per la situazione familiare della protagonista. Abbiamo modo, infatti, di conoscere meglio i genitori di Sophie e di vederli combattere al suo fianco. Sophie crescerà grazie anche al loro incoraggiamento e alla fiducia che ripongono in lei. E poi il risvolto romantico della storia, che già dal primo libro mi aveva preso molto. Sophie e Archer, due ragazzi per natura nemici ma, in realtà, innamoratissimi. Mi sono piaciuti molto in questo romanzo come negli altri, sono una bella coppia, tenera e romantica, e il loro sarcasmo rende ogni scena più piacevole che mai. Avevo apprezzato anche la presenza di Cal, che speravo portasse un po' più di movimento all'interno della coppia, invece si è dimostrato un personaggio senza secondi fini, se non quello di vedere felice la ragazza a cui tiene di più. Buono, sensibile e perfetto, Cal è uno dei personaggi che ho amato davvero. Non ho condiviso alcuni risvolti della storia che lo riguardano, anche se c'era da aspettarsi qualcosa di simile, perché l'autrice non poteva farci mancare nulla, ad ogni modo avrei preferito un altro tipo di finale. La Hawkins ha scritto una storia veramente unica, regalandoci sorrisi, misteri, magia, sacrifici e avventura, il tutto incorniciato in suggestive ambientazioni dark. I personaggi sono tutti ben definiti e restano impressi nel lettore. Devo ammettere che un po' mi mancheranno, mi sono davvero affezionata a questa serie, che nell'ambito del fantasy ya ha saputo portare originalità, stravaganza e freschezza. Una storia incantevole e accattivante, con tantissimi lati positivi, capaci di catturare il lettore e fargli vivere un'avventura straordinaria. Non vedo l'ora di tornare in questo magico mondo con il nuovo romanzo in arrivo, quello dedicato a Izzy Brannick!

Voto: 4 tazzine! Una storia frizzante e piena di magia, da non perdere!

A presto!
xoxo


3 commenti:

  1. Splendida recensione, come sempre! E condivido ogni parola!! Ho amato questa serie dal primo a quest'ultimo libro e sono altrettanto curiosa riguardo lo spin off! Come te, anch'io penso che Cal avrebbe meritato un pò di più, ma che ci possiam fare? Sai sempre come invogliare il lettore, sei una droga pericolosa per i portafogli altrui! Ma io ti lovvo lo stesso <3

    RispondiElimina
  2. Bella recensione Franci!! ^^ Purtroppo questa saga non mi convince ancora. Sono rimasta un po' insoddisfatta da Incantesimo, e sebbene il finale mi abbia incuriosito non trovo il coraggio di leggere anche Maleficio e Sortilegio. Uffy!

    RispondiElimina
  3. Io ho adorato questa serie!

    RispondiElimina

Commentare non costa nulla!:) Lascia pure il tuo commento, sarò felice di risponderti;)