Recensioni

giovedì 1 marzo 2012

Dolcemente tenebroso - Il risveglio di Lucilla

Cari lettori, vi presento adesso l'esordio letterario di un'autrice Made in Italy, Serena Pieruccini.
Non potevo non dedicarle un post, anche perché sono sicura se lo meriti davvero. Intanto, comincio col dire che, se siete fan dello stravagante e geniale Tim Burton e di tutti i suoi capolavori, non potrete non leggere questo romanzo, che li ricorda molto. Il titolo è "Dolcemente tenebroso - Il risveglio di Lucilla" e la copertina è tutto un programma:)
Si può pensare che questo sia semplicemente un romanzo per ragazzi, ma è, in realtà, un urban fantasy a tutti gli effetti, con gotici e paurosi risvolti in una storia che appassionarà anche i più grandi.


Scheda tecnica

Titolo: Dolcemente tenebroso . Il risveglio di Lucilla
Autore: Serena Pieruccini
Prezzo: 15,00 euro
Pagine: 312
Editore: Felici

Trama

È una notte di giugno quando Lucilla apre gli occhi, nella sua bara, svegliata dai miagolii di un gatto. Immaginatevi il suo sconforto nel trovarsi in piena notte in un cimitero, nel rendersi conto di essere morta, senza però ricordare come sia accaduto. Ma fra le ombre ecco che arriva Biglia, pronto ad aiutarla, a farle da cicerone e da amico nelle incredibili notti che si susseguiranno. Lucilla scopre subito di avere un legame con i gatti morti che trova sbrindellati fuori dal cimitero e che cuce rimettendoli assieme. Chi è che fa a pezzi quei poveri animali e li va a sotterrare tra i cipressi? E per quale motivo? Perché Lucilla non riesce a ricordare com'è morta? Come mai ha tutte quelle cuciture sul corpo? Una notte dopo l'altra, fra la comparsa dei più svariati e strambi personaggi, Lucilla verrà a capo di un grande mistero.
Intanto, di giorno, il commissario Angelo Lugosi indaga sulle atrocità commesse da un serial killer. Si tratta di un caso davvero difficile, ma ci saranno il suo fedele Gongo, un meticcio fin troppo sveglio, i due ispettori e la bella Ligeia a confortarlo e ad aiutarlo senza fargli perdere il senno. I sospettati si svelano a poco a poco, raccontandoci un po' di loro, facendoci confondere forse, come in ogni giallo che si rispetti. Chi sarà l'assassino? Com'è morta Lucilla? Quale mistero aleggia nel cimitero? Chi uccide i gatti? Perché Lucilla ne è così legata? Chi scrive le filastrocche? E chi è Biglia? Non vi resta che scoprirlo
.

2 commenti:

  1. Io l'ho letto: delizioso!!! E non lo dico solo perché Serena è una collega di casa editrice, ma perché il suo romanzo merita davvero!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fantastico!!! Così mi hai spinta ancora di più a leggerlo!:) Lo inserisco tra i prossimi da acquistare;)

      Elimina

Commentare non costa nulla!:) Lascia pure il tuo commento, sarò felice di risponderti;)