Recensioni

sabato 23 maggio 2015

Recensione: "Per te qualunque cosa" di Paige Harbison

Eccomi di nuovo qui, stavolta per condividere con voi una recensione che solo oggi sono riuscita a finire. Ahimé, quanto vorrei poter avere 36 ore al giorno! :P
 Ho finito di leggere un po' di giorni fa il romanzo di Paige Harbison, "Per te qualunque cosa", pubblicato dalla casa editrice Harlequin Mondadori. Si tratta di uno young adult che vede come protagoniste due grandi amiche. Tra loro due, però, ci si mette Aidan, un bellissimo ragazzo che farà perdere la testa a entrambe. Vincerà l'amore o l'amicizia?
Ringrazio immensamente la Harlequin Mondadori per avermi inviato una copia del romanzo e avermi dato la possibilità di leggere questo libro, in cambio di una mia onesta opinione.

Per te qualunque cosa
di Paige Harbison


Titolo originale: Anything To Have You
Prezzo: 14,90 euro
Pagine: 333
Genere: young adult, contemporary
Editore: Harlequin Mondadori






Natalie e Brooke sono amiche da sempre, e per sempre. Così diverse ma inseparabili. Natalie è tranquilla e studiosa, contenta di stare in casa a guardare vecchi film, mentre Brooke è l'anima di ogni festa, la ragazza più popolare della scuola, quella che ognuna vorrebbe essere. Poi all'improvviso tutto cambia: in una folle notte che Natalie non riesce a ricordare e che Aidan, il ragazzo di Brooke, non riesce a dimenticare. L'amicizia tra le due ragazze si trova a una svolta, mettendo in discussione quello che pensavano di sapere l'una dell'altra e facendo loro scoprire che cosa davvero significhi la vera amicizia.

<<
All'improvviso un flash. Nella mia testa si formò l'immagine di un bacio in camera da letto, non solo in giardino vicino all'idromassaggio. Una mano sulla mia schiena mi solleva dal materasso e mi trascina in quel bacio. Quello sì che era un gran bacio. Un bacio che mi aveva fatto tremare le gambe.>>

Per te qualunque cosa è un romanzo young adult che ho desiderato sin da subito leggere. M'intrigava la storia di una bella amicizia messa in dubbio da un ragazzo, un rapporto solido e duraturo spezzato da gelosia e tradimento. E' stata una lettura interessante, che è riuscita a lasciarmi più di quanto mi aspettassi, giudizio che ho stabilito una volta concluso il libro, perché è proprio alla fine che Paige Harbison dà il meglio di sé.
La storia raccontata è quella di Natalie e Brooke, due ragazze che sono amiche da una vita. Condividono tutto, sono inseparabili, ma sono anche profondamente diverse. Brooke è un vero vulcano, bellissima, popolare, l'anima di ogni party, la ragazza che tutte vorrebbero essere e quella che tutti vorrebbero avere. Spudorata, passionale ed egoista, Brooke ama circondarsi delle attenzioni altrui e, quando non le ha, le pretende ad ogni costo. Natalie è, invece, molto più riservata. Non ama le feste, non ama sballarsi, preferisce le serate tranquille a studiare o a guardare vecchi film sul divano di casa sua, con in mano una bella tazza di cioccolata fumante. Ha avuto una storia da una notte e via con il playboy della scuola, ma è un'esperienza che preferisce dimenticare. Quello che, invece, non riesce a dimenticare, che non riesce proprio a ignorare, è il sentimento che prova per Aidan, il ragazzo di Brooke. Sin dal suo arrivo a scuola ha capito che quel ragazzo era il suo tipo ideale. Lui ha i suoi stessi gusti e sembra capirla meglio di chiunque altro. Ma Brooke non poteva lasciarsi sfuggire l'occasione di accaparrarsi l'attenzione di uno dei ragazzi più carini e ambiti della scuola e, alla fine, c'è finita insieme. Natalie l'ha superata, ben disposta a farsi da parte per la felicità di Brooke e l'amicizia che le lega, ma quei sentimenti, anche se seppelliti dentro di lei, bussano ancora per uscire. Una sera, Natalie decide di trasgredire e si fa trascinare da Brooke ad una festa, nella quale è decisa di poterle trovare il ragazzo. Ma la festa degenera, l'alcool scorre a fiumi e sia Brooke che Natalie esagerano col bere. Natalie non si sarebbe mai aspettata, quando ha scelto di assecondare per una volta Brooke e di lasciarsi andare come lei desiderava, di finire a letto con Aidan. Per lei è sconvolgente e, sebbene non ricordi nulla di quella notte, decide di non parlarne con Brooke fino a che non avrà rimesso a posto i ricordi. Ma questi potrebbero portarla su una strada accidentata, fatta di insospettabili rivelazioni e tensioni che avrebbe preferito risparmiarsi. Il suo rapporto con Brooke, nonostante qualche esperienza negativa, è troppo importante per lei e per nulla al mondo vorrebbe rinunciarci, ma non può nemmeno negare di sentirsi sempre più legata ad Aidan, che le sta vicina in un modo che la lascia senza parole e che le piace. Non sa cosa fare e, nel frattempo, tutto cambia e si complica...
Sono rimasta davvero colpita dall'evoluzione di questo romanzo che, partito un po' tiepidamente, si è rivelato più piacevole e profondo del previsto. Ad avermi davvero sorpresa, è stato il doppio punto di vista. Quello di Natalie è praticamente scontato, ma quello di Brooke è qualcosa di decisamente nuovo per me, perché, per una volta, a narrare è un personaggio negativo. Brooke non è una brava ragazza ed è una buona amica a giorni alterni. Non è una su cui ci si può contare a occhi chiusi e non è nemmeno quella che vorresti far arrabbiare. Ha un carattere unico, ma non sempre in senso positivo. Se da un lato riesce a calamitare tutte le attenzioni con i suoi modi di fare, dall'altro non riesce a gestire bene questa sua popolarità, che le dà alla testa e la fa agire nella maniera sbagliata. Il suo punto di vista mi ha irritata, inizialmente, perché non faceva che confermare che persona superficiale ed egoista fosse. Immensamente egoista. Ma leggerlo è stato anche intrigante, perché Brooke si è rivelata il personaggio più complesso ed è stato bello entrare nella sua testa, scoprire i suoi pensieri e assistere al percorso che fa, un percorso in cui, tra alti e bassi, affronta i problemi della sua età, i dispiaceri causati da una famiglia che ama prendere decisioni al posto suo, i dolori della perdita, del tradimento e delle scelte sbagliate, la sofferenza di veder sfumare tutti i suoi sogni per aver preferito essere una stronza invece che una buona amica e una ragazza giudiziosa. Lei è quella che sicuramente ha più da raccontare... e da farsi perdonare. E non sarà un'impresa facile. Natalie, invece, cresciuta solo col papà, è una ragazza con la testa sulle spalle, ma sente come tutte le ragazze della sua età la voglia e il desiderio di piacere, di farsi delle amicizie, di vivere appieno quegli anni, di sentirsi apprezzata. Le sue trasgressioni non si contano nemmeno sulle dita di una mano, ma basteranno a segnarla per sempre. Aidan è stato il suo sbaglio più grande, ma non ce la fa a pentirsi di lui perché in cuor suo sente che è perfetto per lei. Ed effettivamente è così. Anche il lettore non potrà fare a meno di parteggiare per loro e sperare in un lieto fine, perché sono davvero tenerissimi. Ma le cose sono davvero complicate e l'autrice non ci penserà troppo prima di complicarle ancora di più, dandoci modo di esplorare tutte le fasi di questo incostante triangolo amoroso, di scoprire fino a che punto ci si può spingere per ottenere ciò che si vuole e di quanto ci sia bisogno di qualcuno accanto a salvarti quando il mondo sembra crollarti addosso.
Ho apprezzato sicuramente lo stile del romanzo, scorrevole e moderno, che permette una lettura rilassata e mai pesante. L'autrice riesce a dare pathos alla vicenda, portandoci ad attendere con ansia quel colpo di scena che ci viene promesso all'inizio del romanzo. I tre protagonisti inseguono tutti qualcosa, chi consapevolmente chi meno, ma alla fine l'autrice riesce a dar loro ciò che vogliono o ciò che non credevano di volere. Il rapporto tra Natalie e Brooke subisce parecchi scossoni e passa per prove di ogni genere, eppure dimostrerà di resistere a tutto, perché in fondo è un bene vero quello che le due ragazze provano. Brooke mi ha sconvolta, mi ha sdegnato e mi ha esasperata, ma è anche quella che mi ha sorpresa di più, perché una volta toccato il fondo ha avuto la forza e il coraggio di tirarsi su. Ecco cosa insegna questo romanzo, ecco perché dico che mi ha convinta. La Harbison, con un linguaggio giovane e storie e personaggi imperfetti, è riuscita a lasciare il segno, a rappresentare uno spaccato reale, in cui la popolarità e la voglia di emergere rischiano di offuscare ogni altro pensiero, di far commettere errori, di far precipitare in un oblio spaventoso. Ma proprio in quei momenti, se hai accanto le persone giuste, gli amici veri, la paura ti passerà e riuscirai a tirartene fuori. Tra amore, amicizia e tradimenti, Per te qualunque cosa è un romanzo che ha parecchio da dire e che si presta a varie riflessioni. Quanto siamo disposti a sacrificare per ciò che vogliamo di più? E quali sono i valori che contano di più nella vita?

Voto: 4 tazzine! Una storia che narra con piglio accattivante il rapporto complicato tra due amiche.


A presto!
xoxo


5 commenti:

  1. Cara Franci, d'accordissimo con te su tutta la linea, certamente il profilo di Brooke è quello che più degli altri ruba la scena! Il finalissimo è stato davvero come zucchero filato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente, tende ad attirare molto l'attenzione! Cmq il finale è davvero dolce, è la parte che mi è piaciuta di più ;)

      Elimina
  2. Ciao Franci! Mi hai incuriosito tantissimo con questa recensione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un libro interessante sotto tanti aspetti, Glimmer. A me è piaciuto davvero ;)

      Elimina
  3. bello quando c'è qualcosa di diverso, il pov della "cattiva" mi ispira molto

    RispondiElimina

Commentare non costa nulla!:) Lascia pure il tuo commento, sarò felice di risponderti;)