Recensioni

lunedì 26 settembre 2016

Recensione: "Dispetti di famiglia" di Jill Sooley

Buongiorno, miei adorati lettori! ^^
Oggi ho una nuova recensione per voi, un romanzo di un genere che non sempre leggo ma che ogni tanto non mi dispiace. Dispetti di famiglia, di Jill Rooley è una storia carina e divertente che parla di una famiglia alquanto speciale. 
Ringrazio la casa editrice per avermi dato l'opportunità di leggere il romanzo, in cambio di una mia onesta opinione.

Dispetti di famiglia
di Jill Sooley

Titolo originale: Baggage
Prezzo: 12,90 euro
Pagine: 384
Genere: womens fiction, narrativa
Traduzione: A. Di Liddo
Editore: Giunti Editore
Data di pubblicazione: 7 Settembre 2016


Un marito che se la dà a gambe e una figlia da crescere da sola: a quarant'anni Marie non si aspetta certo altre sorprese dalla vita, e la piccola Floss è tutto quello che le rimane. Almeno fino al giorno in cui, su un autobus, non cade letteralmente tra le braccia di Ray, un giovane vedovo dai folti capelli neri, e Lolly, una ragazzina ribelle di undici anni che ha appena perso la mamma. Ed ecco che in un batter d'occhio la famiglia si allarga, perché Marie e Ray, travolti dalla passione, convolano a seconde nozze e tutti si ritrovano a vivere amorevolmente - o quasi - sotto lo stesso tetto. Un autentico manicomio, e saranno le voci di Marie, Floss e Lolly a raccontarlo, ognuna dal suo particolarissimo punto di vista. Marie sempre più impegnata nel suo doppio ruolo di madre-matrigna, Floss ai ferri corti con il patrigno, e Lolly che non riesce proprio a mandar giù il secondo matrimonio di papà. Tra dispetti, malintesi e riconciliazioni, in una miscela a dir poco esplosiva, chi sarà a trionfare alla fine: l'amore o i legami di sangue?

Tra le novità di questo mese, mi è arrivato a casa un libro della Giunti dal titolo Dispetti di famiglia. Non ne avevo ancora sentito parlare, ma leggendo la trama mi è sembrato un libro interessante e ho voluto subito saperne di più. Mi sono immersa completamente nelle vicende di una famiglia allargata, che cercherà il modo di andare d’accordo, nonostante le tante differenze. Marie, dopo essere stata abbandonata dal marito alcolizzato, si ritrova a vivere da sola con la figlia Floss e a fare del suo meglio per crescerla senza che accusi troppo la mancanza del padre. Quando un giorno, su un autobus, fa la conoscenza di Ray e sua figlia Lolly, Marie riscopre la voglia di vivere, oltre quella di essere moglie e madre. E’ un incontro romantico il loro, quasi il destino l’avesse voluto, ma le figlie non la pensano alla stessa maniera. Per loro è un evento catastrofico. Sin dal primo momento, vivere insieme sarà un trauma. Per quanto Ray e Marie vogliano essere degli ottimi genitori per entrambe le bambine, qualcosa sembrerà non funzionare mai alla perfezione. E così nasceranno incomprensioni, liti, gelosie e rancori che creeranno crepe, ma fortunatamente, per quante crepe sorgano, mai nessuna riesce davvero a separarli. Dopo la morte di Ray, Marie, Floss e Lolly, separate per motivi diversi, si ritrovano a vivere di nuovo sotto lo stesso tetto, a condividere momenti e ricordi, a far funzionare le cose, anche quando è chiaro che molte cose non funzionano. Floss è stata lasciata e torna a casa con la speranza di trovare un nuovo lavoro. Ma oltre quello, troverà anche un nuovo amore. Lolly, che ha avuto un bambino all’età di sedici anni, non sta più con Gabe ma inizia ad avere una relazione con un poliziotto, senza però riuscire mai a dimenticare le premure di Gabe verso lei e loro figlio. Marie sarà sempre presente nelle loro vite, ma il suo punto di vista ripercorre per lo più le vicende del passato, della sua vita con Ray e del loro modo unico di amarsi e di amare Floss e Lolly. E’ una famiglia imperfetta, una famiglia moderna, e l’autrice scandaglia con attenzione le vicende di ogni protagonista, regalandoci dettagli e situazioni irriverenti e buffe, ma anche intense e commoventi.
Ho apprezzato lo stile ironico dell’autrice e le minuziose descrizioni della quotidianità dei protagonisti, quasi volesse che il lettore stesso si sentisse parte della famiglia. I pov di Marie, Floss e Lolly sono ben diversificati e le loro vite procedono su binari paralleli ma in qualche modo sono sempre collegate. Tante le scene divertenti, altrettante quelle che fanno riflettere. Dispetti di famiglia è un romanzo che suscita stati d’animo diversi e che pone l’attenzione su casi che probabilmente viviamo tutti i giorni anche noi, nelle nostre case, nelle nostre famiglie. Discussioni su questioni più o meno importanti, sgarbi e provocazioni, ma anche riconciliazioni e sentimenti nuovi, che sbocciano all’improvviso e per un po’ danno un senso diverso alle giornate. Jill Sooley ha scritto un romanzo spassoso ma anche tenero, in cui ritroviamo tre donne turbate dall’assenza di qualcuno, ma capaci di andare avanti, di non arrendersi, di affrontare le novità con coraggio, di farsi forza a vicenda, come una vera famiglia. Un romanzo al femminile, in cui non mancano però interessanti personaggi maschili. C’è l’onnipresente Ray, punto focale della famiglia, che conosciamo tramite i ricordi delle protagoniste (dal momento che muore all'inizio del libro). Carson, poliziotto romantico e premuroso. Leo, idraulico affascinante e padre affettuoso. Gabe, ragazzo sopra le righe, ma presente e dolce. Vi sembrerà un gran caos, e probabilmente lo è davvero. Tanti personaggi e storie si mescolano in questo romanzo, che si lascia leggere appassionatamente, senza però annoiare mai. Ma per ogni personaggio c’è una strada da percorrere, qualcosa da comprendere. E sicuramente anche per il lettore. Un romanzo ironico e particolare che vi farà venire voglia di regalare abbracci. O di litigare con qualcuno :P

Voto: 4 tazzine. Una lettura piacevole e spiritosa.

A presto!
xoxo

1 commento:

Commentare non costa nulla!:) Lascia pure il tuo commento, sarò felice di risponderti;)