Recensioni

sabato 17 dicembre 2016

Recensione: "Rebel. Il tradimento" di Alwyn Hamilton

Buongiorno miei carissimi lettori! ^^
Scusate l'assenza degli ultimi giorni, ma la rete wi-fi mi ha dato un sacco di problemi e non ho avuto modo di connettermi. Nel frattempo, ne ho approfittato per portare a termine delle letture, di cui non vedo l'ora di parlarvi. Uno dei romanzi che ho atteso di più quest'anno è stato "Rebel. Il tradimento", di Alwyn Hamilton, un fantasy davvero straordinario, portato in Italia da Giunti. Si tratta del secondo capitolo dedicato ad un personaggio che abbiamo imparato ad amare, il Bandito dagli Occhi Blu, capace di regalare sempre forti emozioni. Ringrazio immensamente la casa editrice per avermi dato l'opportunità di leggere questo romanzo, in cambio di una mia onesta opinione.

Rebel. Il tradimento
di Alwyn Hamilton


Titolo originale: Traitor to the Throne
Serie: Rebel of the Sands #2
Prezzo: 16,00 euro
Pagine: 448
Genere: high-fantasy, young adult
Editore: Giunti (collana Waves)
Data di pubblicazione: 2 Novembre 2016



Sono passati pochi mesi da quando Amani, dall'infallibile mira, ha incontrato il misterioso Jin ed è fuggita dal suo paesino nel deserto terribile e meraviglioso del Miraji sul dorso di un buraqi, mitico destriero fatto di sabbia e vento, in cerca della propria libertà. Ora sta invece combattendo per liberare una nazione intera da un tiranno sanguinario che non ha esitato a trucidare il padre pur di salire al trono. Amani si trova prigioniera nell'epicentro stesso del potere, il palazzo del Sultano, ed è determinata a rovesciarne il regime. Disperatamente concentrata nello sforzo di scoprire i segreti di corte, cerca di dimenticare che Jin è scomparso proprio quando le sembrava più vicino e di essere lei stessa pericolosamente in balia del nemico. Ma con il passare del tempo Amani arriverà a chiedersi se davvero il Sultano sia il tiranno che le è stato descritto e chi sia il vero traditore nei confronti della sua terra così bruciata dal sole e piena di magia. Dimenticate quello che pensavate del Miraji, della ribellione, dei Djinni, di Jin e del Bandito dagli Occhi Blu. In Rebel. Il tradimento l’unica certezza è che tutto cambierà. Un mondo di passioni intense, dove padri e figli sono pronti a uccidersi a vicenda, ma dove anche l'amore è ardente come il deserto.

<<Ma quello di cui ero davvero consapevole era il deserto. Ero parte della tempesta, tanto che a un certo punto temetti di diventare io stessa sabbia e di volare via nel vento>>.

Scenari da mille e una notte, deserti impetuosi, personaggi mitologici e una rivoluzione sempre più incombente, sono solo una parte di ciò che troverete in Rebel. Il tradimento. Il secondo capitolo della nuova saga fantasy che ha già conquistato molti lettori, offre grande avventura a chi aveva nostalgia del Bandito dagli Occhi Blu, di Jin e di tutti gli altri ribelli che appoggiano il principe Ahmed, colui che merita di governare il Mirajin. Ritroveremo Amani alle prese con nuove, pericolose missioni, sempre in prima linea lei, così coraggiosa e impetuosa. Più consapevole che mai dei suoi poteri da demdji, farà il massimo per dare il suo contributo alla causa. Ma quando viene rapita e portata nell'harem del Sultano, dovrà sottostare a nuove regole, ai comandi di un uomo deciso e sicuro di sé, che non mostra mai un tentennamento di fronte alle scelte da compiere. Tra lussi e segreti di corte, tra dubbi e misteri di ogni genere, Amani si troverà a confrontare l'operato del potente e scaltro Sultano con quello del suo principe Ahmed, un uomo buono e generoso che forse non è fatto per governare. E mentre le incertezze le si insinuano dentro, dovrà cercare di sopravvivere in una realtà solo apparentemente piacevole, un luogo in cui quelle come lei non sono viste di buon occhio e rischiano in qualunque momento la vita. Dovrà imparare a barattare segreti, a ingannare con astuzia, a non farsi sottomettere. Costretta a dire sempre la verità, Amani farà il possibile per serbare il segreto della rivolta e i nomi dei suoi complici e cercherà di trovare all'interno dell'harem qualcuno che l'aiuti ad attuare un piano di fuga. Ma non sarà facile muoversi con tutti gli occhi puntati addosso, specie quelli del Sultano, e dei due principi suoi figli. Uno avido, corrotto, malvagio e rivoltante. L'altro, soldato fino al midollo, integerrimo e intelligente. Troverà i suoi alleati, Amani, anche in chi non avrebbe mai pensato e il fuoco della rivolta continuerà a bruciare. Ma l'aspettano ad ogni angolo pericoli e tradimenti e solo fidandosi del suo istinto e delle sue capacità, riuscirà a uscirne indenne.
Rebel. Il tradimento è un romanzo ricco di avvenimenti e magnifici personaggi, che dona al genere fantasy un tocco di novità e freschezza , grazie anche all'aggiunta di piccoli dettagli steampunk. Una storia che non si dimentica, in cui un gruppo eterogeneo di creature leggendarie appoggia un Principe Ribelle e una nobile causa, combattendo con lealtà, onore e coraggio una guerra che diventa ogni giorno più pericolosa. Nuovi personaggi in questo secondo capitolo, capaci di riservare sorprese e farci affezionare. Io, personalmente, mi sono innamorata del personaggio di Sam, "usurpatore" del titolo di Bandito dagli Occhi Blu e grande malandrino, ma anche di Rahim, il nobile figlio del Sultano. Ho ritrovato con piacere Ahmed e Shazad, che avevo già avuto modo di apprezzare nel libro precedente, due personaggi grandiosi e ricchi di doti, ma più di ogni altro, ho atteso di leggere ancora di Jin, affascinante e impavido principe, innamorato perso di Amani. Purtroppo ha poco spazio il suo personaggio in questo libro, perché Amani trascorrerà gran parte del tempo nell'harem, lontana da lui e da tutti i suoi amici. Ma vi assicuro che ogni volta che è in scena, farà scoppiare i fuochi d'artificio nei vostri cuori. Amani l'ho adorata, ancora una volta. Nonostante alcuni momenti di incertezza, riesce sempre a tenere la testa alta, a ragionare come un leader, a farsi valere sia in battaglia che con i suoi commenti pungenti. Bella, gloriosa e potente, è un'eroina d'altri tempi, che ammalia il lettore e lo conduce ai margini di una realtà intrigante quanto pericolosa. A dispetto del primo romanzo, troppo breve per goderne davvero, questo è molto più ricco e corposo. Ne ottengono vantaggio molti personaggi, a cui viene dato più spazio, e quelle storie mai dimenticate che risalgono a chissà quale tempo lontano, leggende di esseri primitivi, di principi e principesse, di creature magiche e Djinni. Questo romanzo si riempie così di colore e bellezza, di incanto  e poesia, grazie alla penna originale di Alwyn Hamilton. Una storia che si dipana lentamente ma che, una volta entrata nel vivo, riuscirà a regalarvi un sacco di emozioni. Preparatevi a vivere una grande avventura, a solcare le sabbie aride del deserto, a vagare in un harem ricco di mistero e fascino. Preparatevi a vivere una rivoluzione, una nuova alba. E una bellissima storia d'amore.


 Voto: 4 tazzine! Un romanzo affascinante e imprevedibile.

A presto!
xoxo


1 commento:

  1. Condivido il tuo pensiero, ogni parola. Mi è piaciuto ancora di più del primo e Jin *-* forse sono più innamorata io che Amani xD
    Un libro bellissimo e avventuroso *-* basta, lo amo!

    RispondiElimina

Commentare non costa nulla!:) Lascia pure il tuo commento, sarò felice di risponderti;)