Ultime recensioni

sabato 20 settembre 2014

Recensione: "Shadowhunters. Le Origini. La Principessa"

E, finalmente, ecco anche la recensione de "La principessa", il capitolo conclusivo della saga The Infernal Devices di Cassandra Clare, dedicata alle origini degli Shadowhunters. Una saga stupenda e appassionante, ricca di eventi e personaggi meravigliosi. Il talento della Clare è innegabile, questa donna scrive maledettamente bene e io la amooooo!!! (E la odio -.-)
Se siete curiosi di leggere la mia opinione sui due libri precedenti, trovate le mie recensioni QUI e QUI.
Buona lettura e buonanotte <3
Attenzione a possibili SPOILER!!!


Shadowhunters. Le Origini. La Principessa
di Cassandra Clare



Titolo originale: Clockwork Princess
Serie: The Infernal Devices #2
Prezzo: 17,00 euro
Pagine: 553
Genere: fantasy, urba-fantasy, steampunk
Editore: Mondadori (collana Chrysalide)



Una rete d'ombra si stringe sempre di più intorno agli Shadowhunters dell'Istituto di Londra. Mortmain progetta di usare un esercito di automi spietati per distruggere una volta per tutte i Cacciatori. Gli manca un solo elemento per completare l'opera: Tessa Gray. Intanto, Charlotte Branwell, capo dell'Istituto, cerca disperatamente di trovarlo per impedirgli di scatenare l'attacco. E quando Mortmain rapisce Tessa, Will e Jem, i ragazzi che ambiscono alla conquista del suo cuore, fanno di tutto per salvarla. Perché anche se Tessa e Jem sono fidanzati ufficialmente, Will è ancora innamorato di lei, ora più che mai. Tuttavia, mentre chi le vuole bene unisce le forze per strapparla alla perfidia di Mortmain, Tessa si rende conto che l'unica persona in grado di salvarla dal male è lei stessa. Ma come può una sola ragazza, per quanto capace di comandare il potere degli angeli, affrontare un intero esercito? Pericoli e tradimenti, segreti e magia, oltre ai fili sempre più ingarbugliati dell'amore e dell'abbandono si legano e si confondono mentre gli Shadowhunters vengono spinti sull'orlo del precipizio...

<<Il vero amore non muore.>>



 Siamo giunti alla conclusione di una saga bellissima, che mi ha tenuto compagnia per diverse sere estive e ha reso meno pesante un periodo, per me, molto stressante. Ho avuto un po' di timore di fronte alla prospettiva di dover dire addio ad un mondo e a dei personaggi che mi avevano fatto appassionare tantissimo. Ma, del resto, quando sentirò la loro mancanza, potrò sempre immergermi in una bella rilettura :P Questo libro, come il precedente, è stato capace di darmi un sacco di emozioni, di farmi soffrire e sperare per i suoi protagonisti, di farmi patire pagina dopo pagina, di farmi dimenticare il resto del mondo. La Clare ha dato ancora una volta prova del suo immenso talento, regalandoci una storia che non dimenticheremo facilmente, fatta di amori, di segreti, di misteri, di magia, di sangue, di tradimenti, di sodalizi, di lotte, di avventure. C'è davvero tantissimo in questa saga, sarebbe impossibile non amarla! E io ne ho vomitati di arcobaleni...! :P
 In questo romanzo tutto diventa più urgente, il ritmo si fa più concitato, i tempi stringono, bisogna agire per fermare Mortamain e bisogna adoperarsi tutti, perché lui è sempre più forte e ha pronto l'esercito di automi per distruggere i Cacciatori. Ma nonostante le insistenze di Charlotte presso il Consiglio e le sue continue richieste di intervento, c'è qualcuno che le rema contro e fa di tutto per farle perdere il comando dell'Istituto di Londra. Intanto, come se questi guai non bastassero, Jem sta sempre più male. Pur di vivere dei giorni dignitosi accanto a Tessa ha esaurito le sue scorte di yin fen e, adesso, Mortmain detiene tutto quello in circolazione. Conosce il punto debole dei Cacciatori e sa esattamente dove colpire. Ne approfitterà, infatti, per barattare l'yin fen che potrebbe salvare la vita di Jem per Tessa. A questo punto le cose si complicheranno perché nessuno vuole cedere Tessa a Mortmain e fare il suo gioco, ma nessuno vorrebbe nemmeno veder morire Jem. La Clare ci tiene col fiato sospeso e, come sempre, ci regala una storia sentita e profonda, immensamente struggente. Affronteremo i dubbi dei protagonisti e le loro lotte interiori, i loro drammi e l'ingarbugliarsi dei loro destini. Verremo messi di fronte a delle scelte, ma la Clare troverà sempre il modo di sorprenderci con le sue. Questo romanzo è stato capace di non farmi chiudere occhio la notte, di farmi restare a leggere fino a tardi, solo per scoprire cosa sarebbe accaduto. L'autrice gioca con le vite dei personaggi a cui ci siamo tanto affezionati e lo fa in maniera maledettamente egregia!
Will è libero dalla sua non-maledizione, finalmente potrebbe amare Tessa e chiederle scusa per tutti i suoi comportamenti passati, ma adesso Tessa non è più sua. Tessa è legata a Jem e per nessun motivo porterebbe via la donna al suo parabatai. Tessa, che ha dato la sua parola a Jem, non intende tirarsi indietro, anche se dentro di lei si agitano una marea di sentimenti, molti dei quali per ciò che avrebbe potuto avere con Will. Ma mentre lotta per fare pace col suo cuore, deve difendersi da Mortmain che la vuole tutta per sé e vuole sfruttare l'immenso potere che ancora Tessa non è cosciente di avere. Jem, invece, è costretto in un letto, incapace di unirsi ai suoi compagni e difendere le persone che ama, soffrirà tremendamente ma tenterà in qualsiasi modo di restare aggrappato alla vita. Per poter continuare a vedere quelle persone. Per poterle aiutare. Per mantenere le sue promesse.
Tutto in questo romanzo è imprevedibile e tende a incrementare lo stato di tensione nel lettore. La Clare, poi, è bravissima a creare situazioni complicate, a intrecciare sorti e a far sembrare il tutto un magnifico disegno di senso compiuto. Il suo stile è sempre elegante e raffinato, poetico. I dialoghi sono perfetti e brillanti, la storia è sempre più appassionante, l'elemento magico ancora più preponderante. 
Per quanto riguarda i protagonisti di quest'ultimo romanzo della serie, abbiamo delle new entry molto interessanti, due in particolare che ho molto adorato: Gabriel Lightwood e Cecil Herondale. Gabriel è il fratello di Gideon e, dopo averlo detestato nei libri precedenti, assisteremo ad un percorso che lo porterà a diventare più responsabile e maturo e quindi ce lo farà apprezzare di più. Gabriel si era schierato dalla parte del padre, nel libro precedente, quando il fratello invece si era ribellato alla decisione di spodestare Charlotte. Adesso, sarà costretto a tornare sui suoi passi, perché il padre ha contratto una malattia demoniaca e si è trasformato in una bestia orrenda. Avrà bisogno dell'aiuto di Gideon ma anche degli altri Cacciatori. E, stando a contatto con loro, conoscendo meglio Charlotte e ciò per cui lotta, finirà col capire di essersi schierato dalla parte sbagliata, anche se i suoi motivi erano più che validi. Cecil è, invece, la sorella di Will, presentatasi all'Istituto con l'intenzione di addestrarsi come Cacciatrice. La sua presenza farà spazientire Will, che la vorrebbe al sicuro, lontana dall'Istituto. In realtà, Cecil ha intenzione di riportare il fratello a casa, ma quando si renderà conto che casa sua ormai è l'Istituto, si arrenderà alla sua scelta. E poi il brivido dell'avventura e la vita da Shadowhunters affascina anche lei, nelle sue vene scorre sangue di Cacciatrice, e diventerà difficile non assecondare il desiderio di vivere fino in fondo quella sua natura. Questi due personaggi hanno portato un bel po' di aria fresca, non che prima la saga fosse manchevole di qualcosa, ma devo dire che mi hanno intrigato parecchio. Gabriel è il pepe e Cecil lo zucchero. Gabriel con i suoi dubbi e il suo tormento interiore creerà non pochi problemi, mentre Cecil cercherà, con la sua tenera saggezza, di aggiustarli. E poi sono belli e spigliati, adorabili insieme. Come non amarli!
E parlando di coppie, potrei non citare anche Gideon e Sophie, che in questo romanzo si dimostreranno ancora più innamorati? E' vero, all'inizio dovranno superare un po' di prove: Gideon muore dietro Sophie, ma Sophie continua a pensare di non essere all'altezza di Gideon, vi giuro che mi hanno snervato certi momenti! Eppure, sono troppo carini, la loro storia l'ho seguita con passione e ansia, desiderosa di vedere questi due personaggi abbattere tutte le loro insicurezze e lasciarsi andare all'amore. Sono molto diversi, ma li accomuna un grande cuore e una grande passione. Faranno scintille! Ancora una volta troveremo Magnus Bane, lo stregone dall'affascinante personalità, molto amico di Will, che prenderà parte al piano dei Cacciatori per aiutarli con la magia, là dove la scienza di Henry non arriva. Questo personaggio aveva già fatto breccia nel mio cuore nel libro precedente, ma continua a stupirmi e a piacermi. Tiene a Will in una maniera incredibile, lo ha salvato una volta e da allora crede sia sua responsabilità salvarlo sempre, altrimenti sarebbe come tradirlo. Mi è piaciuto quasi tutto di questo libro, davvero, tant'è che non avevo nessuna intenzione di finirlo, anche se desideravo ardentemente sapere come sarebbero andate le cose.
Il romanzo scorre abbastanza velocemente, si susseguono eventi, missioni, lotte, ricerche, inseguimenti. C'è tutta una serie di elementi che ho veramente adorato, anche se, devo essere sincera, qualcos'altro mi ha fatto storcere un po' il muso. Mi è sembrato che verso la fine la narrazione rallentasse di molto, come se la Clare volesse per forza "allungare il brodo", mentre avrebbe potuto raccontare con molte meno parole tutto quello che ha scritto in un'infinità di capitoli. E poi, l'epilogo. C'è chi lo ha amato e lo ha trovato giusto e perfetto. C'è chi lo ha disprezzato. Non avevo idea di che cosa mi aspettasse - fortuna che non mi ero spoilerata nulla a riguardo - ma quando l'ho letto, mi sono accorta di restarci male, quindi penso di rientrare nella seconda categoria. Avrei anche potuto accettare tutto quel tirare per le lunghe la trama, perché ci può anche stare, non mi è pesato. Tutto quello che scrive la Clare è sublime e ho adorato leggere ogni sua parola. Ma l'epilogo ha rovinato l'idea di perfezione che mi ero fatta inizialmente di questo romanzo. Mi andava bene, più che bene, il modo in cui era terminato, la scelta che Tessa aveva fatto e come si chiudeva il romanzo, ma poi, quell'ultima scena mi ha infastidita, mi sono sentita presa in giro (ci sarebbe una parola precisa per come si è comportata la Clare, ma non mi sembra il caso di usarla).
Insomma, se dovessi giudicare l'intero romanzo gli darei senz'altro il massimo dei voti, ma per colpa dell'epilogo si becca qualcosina in meno. Non dico che mi abbia delusa, per carità!, capisco che magari la Clare può aver avuto sempre questo in mente, chi lo sa, ma ho avuto l'impressione, mentre lo leggevo, che stonasse tutto. Avrei preferito non leggerlo, ecco. Avrei preferito che non finisse così. D'ora in poi, tutte le volte che parlerò di questo romanzo, lo farò non tenendo in considerazione l'epilogo, altrimenti potrei perdere la mia lucidità.
Will e Jem si sono dimostrati meravigliosi ancora una volta. Li ho amati come non mai in questo romanzo, in egual maniera. Will, che vorrebbe tenere segreti i suoi sentimenti ma i suoi tentativi sono sempre vani e non fanno che commuovermi, e Jem, talmente legato a Will e talmente innamorato di Tessa da suscitare, inevitabilmente, un profondo affetto nel lettore, qualunque decisione prenda per salvaguardarsi e salvaguardare loro. Tessa, infine, scoprirà le sue origini e dovrà difendersi da chi vuole farle del male e usarla. Il suo potere si dimostrerà la chiave per salvare tutti. Ho amato ogni risvolto di questa storia, ogni particolare, ogni dichiarazione, ogni parola sussurrata. Ho sofferto come non mai, la Clare è riuscita a straziarmi il cuore, a farmi sciogliere d'amore e farmi impazzire di dolore! Ho urlato, riso, pianto, gioito... tutto questo per rendermi conto che, alla fine, questa saga mi è entrata dentro e si è presa un pezzettino di me che non riavrò mai più indietro.
La consiglio a tutti i lettori appassionati di urban-fantasy, di storie magiche e un po' macabre, ma terribilmente romantiche, a tutti gli amanti di storie avventurose e scritte con maestria. A tutti coloro che amano "vivere" le storie, sentirle addosso. A tutti coloro che cercano qualcosa che lasci un segno indelebile nel loro cuore. A chi è alla ricerca di personaggi intensi e coraggiosi. Fidatevi, la Clare è sempre e comunque una garanzia.


Voto: 4,5 tazzine! Un romanzo che rasenta la perfezione! (epilogo a parte:P)



 A presto!
xoxo





9 commenti:

  1. Anche io adoro questa serie! Spero tu abbia letto anche la saga Shadowhunters perchè alla fine, alcuni personaggi tornano ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Della serie TMI ho letto solo il primo volume, ma sto recuperando tutti gli altri così anche di quella faccio una bella maratona, altrimenti so già che la Clare mi farà morire!
      Mi hanno avvisata che torna qualche personaggio di questa serie.. Non vedo l'ora di scoprire chi! :)

      Elimina
  2. anche io l'ho letto da poco e anche io ho trovato "tirato" il finale, dopo tutto quello struggersi andava bene così secondo me. Questa serie l'ho apprezzata molto, adesso mi accingo a finire l'altra che come ambientazione la preferisco. L'unica cosa che non mi è piaciuta nè del principe nè della principessa è stato il personaggio di Tessa, mi è stata sempre antipatica nella sua perfezione e unicità, ma nonostante questo ho amato tutta la serie, la Clare veramente brava a farti innamorare delle sue storie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, diciamo che la Clare le ha dato un'immensa importanza, poi tutto quel gran potere! Però i personaggi mi sono piaciuti tutti, nessuno escluso.. Solo l'epilogo avrei risparmiato a questa serie stupenda!

      Elimina
  3. Ciao sono una nuova follower :) se vuoi passare anche da me ho appena aperto un book blog ^^
    Comunque La Principessa è il libro che preferisco tra tutti quelli della Clare (insomma Jem *-* e Gabriel *-*) e ammetto che quello tra Will, Jem e tessa è uno dei pochi triangoli che riesco a soffrire - e qui sta la maestria dell'autrice secondo me.
    non vedo l'ora che esca la raccolta di novelle di Magnus Bane in Italia !! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, effettivamente tra tutti i triangoli questo è uno di quelli più belli, i personaggi sono tutti meravigliosi, li ho amati indistintamente! <3

      Elimina
  4. Ho appena finito il libro ed ero curiosa di leggere la tua recensione:) Questo ultimo capitolo era il migliore sicuramente di tuuuutta la serie: ho amato il finale era il perfetto happy ending. Sono sicura che lo storcere il naso per l'epilogo succede solo se non hai letto l'ultimo dell'altra serie,perchè se no ti assicuro che l'incastro tra le due è veramente perfetto! Ora aspetto trepidante la nuova trilogia,avvisaci quando e se hai news :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giorgia! Eh sai, probabilmente hai ragione.. io quello ancora non l'ho letto, anzi dell'altra serie ho letto soltanto il primo al momento, quindi l'incastro non ce lo vedo e allora ho storto un po' il muso... Ma concordo sul fatto che questo libro sia davvero fantastico! Tutta la serie lo è, davvero unica e indimenticabile *-* Anche io aspetto la nuova trilogia, quindi certo che vi avviserò quando saprò qualcosa! A presto <3

      Elimina
  5. Ciao! Io ho finito da poco La principessa e volevo dirti che sono proprio d'accordo con te: l'epilogo mi ha letteralmente distrutta. E' stato a dir poco straziante, sono scoppiata a piangere. Cioè, sapevo che in qualche modo doveva andare così, soprattutto avendo letto qualcosa a riguardo in Shadowhunters città di vetro, dove Tessa e Zaccariah ricompaiono, ma Will ... Oddio, è stato orribile. Mi è dispiaciuto così tanto ... Speravo che alla fine non so Cassandra trovasse un modo, per quanto assurdo, di renderlo immortale o simili ... Per il resto, serie splendida, senz'altro una delle migliori che io abbia mai letto :)

    RispondiElimina

Commentare non costa nulla!:) Lascia pure il tuo commento, sarò felice di risponderti;)